Gare accorpate nei Comuni più devastati per accelerare i lavori

Nuove semplificazioni e risorse ieri, in Cabina di coordinamento sisma, per accelerare la ricostruzione. "Siamo intervenuti per alcuni dei Comuni più colpiti, tra cui Visso – ha detto il commissario straordinario Guido Castelli –. Nella prossima cabina, che si riunirà tra qualche giorno, porteremo altre novità". "Abbiamo deciso di sviluppare meccanismi di accorpamento delle gare pubbliche che, secondo una logica di efficienza, aggreghi interventi omogenei o limitrofi in lotti unitari e favorisca lo strumento dell’accordo quadro – ha proseguito – comprimendo i termini procedurali. Sono state attivate logiche di progettazione e gestione unitaria degli interventi che, nei Comuni più devastati, presentano una complessità riconducibile alle interferenze tra proprietà pubbliche e private". Zoomando sul Comune di Visso, "sono stati previsti quattro ulteriori interventi destinati a edifici storici del centro, per un valore complessivo di circa 16 milioni di euro". Si tratta di aggregato pubblico-privato Palazzo Priori (3,5 milioni), aggregato pubblico-privato Palazzo Governatori (4,9 milioni), Palazzo Varano (2,7 milioni) e Chiesa e Palazzo San Giacomo (5 milioni) per un totale di 16.100.000 euro appunto. Palazzi con una presenza pubblica e privata. "Abbiamo fatto in modo che il pubblico – ha aggiunto Castelli –, ovvero l’Usr come soggetto attuatore, possa intervenire sia sulla parte pubblica che sulla parte strutturale di quella privata. Così che i proprietari debbano solo fare le finiture, completare l’intervento. Parliamo non solo di un finanziamento quindi, ma anche di una filosofia di intervento tempestivo e orientato al risultato".