"Giuseppe è passato sabato. Ma chi poteva immaginare"

Franco Beccacece, gestore di Wild Fish Azzoni, racconta il dramma al laghetto di Montefano: auto sprofonda con due persone a bordo. Sconvolgimento e choc tra i presenti

Montefano (Macerata), 8 luglio 2024 – "Chi poteva pensarci. C’era tanta gente questa mattina, anche bambini, sarebbe stata una domenica tranquilla. E invece...".

Franco Beccacece (nella foto), gestore dell’associazione di pesca sportiva Wild Fish Azzoni, è rimasto molto scosso dalla scena che si è trovato a vedere. "L’auto è andata diretta verso il lago. Istintivamente due ragazzi che erano qui si sono tuffati e sono entrati nell’auto, quando ancora galleggiava, e quando è sprofondata sono finiti giù anche loro. È stato un miracolo che siano riusciti a liberarsi. A Filottrano tutti conoscevamo Giuseppe e Rita. Sabato mattina lui è venuto qui, è rimasto un po’ a guardare poi ha detto che sarebbe tornato con la moglie, quando lei si fosse un po’ ripresa. Ma non pensavamo certo niente del genere".

FOTONECROLOGIO
FOTONECROLOGIO

Ieri mattina in tanti si erano trovati nel laghetto di Montefano, un paradiso di natura e silenzio. "C’erano parecchi ragazzi, sono andati via tutti sconvolti, sotto choc. Una cosa incredibile".

Sono sempre rimasti sul posto invece i due che hanno provato a salvare Giuseppe Paolorossi e Rita Caporaletti, con un tentativo disperato di aprire le portiere della Fiat Punto e di tirarli fuori prima che l’auto si inabissasse. Ma nessuno di loro ha voluto rilasciare dichiarazioni, ancora troppo provati da quello che era capitato pochi momenti prima.