Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

I gol di Rossi, l’urlo di Tardelli e la pipa di Bearzot: Buffa ci fa rivivere le emozioni dei mondiali del 1982

Lo spettacolo del giornalista martedì chiuderà il cartellone della stagione al teatro Verdi

Il cantastorie dello sport sale sul palco del Verdi di Pollenza. Martedì, alle 21.15, Federico Buffa, noto volto del giornalismo sportivo televisivo, sarà protagonista di uno spettacolo (fuori abbonamento) dell’ultimo titolo della stagione del teatro pollentino, promossa da Comune e Amat con il contributo di Regione e MiC. Con "Italia Mundial", accompagnato da Alessandro Nidi al pianoforte e con la regia di Marco Coronna, Buffa (nella foto) fa rivivere l’indimenticabile vittoria della Nazionale azzurra ai mondiali di calcio del 1982. "L’Italia più amata di sempre vince il Mondiale più bello – spiega l’Amat -. I gol di Paolo Rossi, l’urlo di Marco Tardelli, le parate di Dino Zoff, la pipa di Enzo Bearzot, la notte magica del Bernabeu, le braccia al cielo del Presidente della Repubblica Sandro Pertini rivivono nell’inconfondibile voce di Federico Buffa ma soprattutto quel patrimonio di aneddoti e ’storie parallele’ che rendono unici i monologhi di questo formidabile storyteller". "Mi piace raccontare storie perse nel tempo e il tema non è solo lo sport – aveva confidato il giornalista sportivo in una serata a Ripe San Ginesio -, lo sport è un grande veicolo, per parlare di vita. Credo sia una delle forme espressive del genere umano meglio riuscite. Ho iniziato come baskettaro, poi la vita professionale mi ha portato dove ha voluto. Sono le opportunità che determinano i luoghi. Mi piace raccontare storie che abbiano un valore divulgativo. Ecco perché il pubblico a cui mi rivolgo è anche giovane. Un tredicenne di oggi non è un tredicenne della mia generazione, e ho smesso di pensare all’età. Sono storie senza tempo".

Biglietti e info, al Verdi 0733549936 – 3494730823. I biglietti si possono acquistare anche nei punti vendita AmatVivaticket e online su vivaticket.com (0712072439 – Amat).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?