I residenti di via del Mare: "Bisogna tagliare l’erba"

Lettera al sindaco dove denunciano lo stato di abbandono di diverse zone: "Eppure era programmata la realizzazione di un parco con luci e sgambatoio".

I residenti di via del Mare:  "Bisogna tagliare l’erba"

I residenti di via del Mare: "Bisogna tagliare l’erba"

di Asterio Tubaldi

Ancora segnalazioni sul cattivo stato di manutenzione del verde pubblico da parte dei cittadini che non si rassegnano proprio a rimanere in silenzio. Diversi residenti di via del Mare hanno sottoscritto una lettera, fatta recapitare al sindaco Antonio Bravi, nella quale denunciano lo stato di abbandono dello spazio pubblico compreso fra via del Mare e via Cossio. Si tratta di un’immensa area verde, oggetto già in passato di una consistente piantumazione di nuovi arbusti, di cui oggi non c’è più traccia, mentre al loro posto ci sono solo erbacce e degrado, tutti fattori che mettono a rischio la salute e la sicurezza di chi abita ai suoi confini. Eppure, ricordano i cittadini firmatari della missiva, in programma c’era la realizzazione di un parco, con tanto d’illuminazione, e di un sgambatoio per cani. L’area incolta ha facilitato nel passato anche diverse incursioni ladresche, di cui alcuni di loro sono stati vittime, in quanto – ricordano sempre i residenti – costituisce una facile via di fuga dei ladri che riescono a nascondersi dietro l’alta vegetazione. Ciò che chiedono è almeno il taglio dell’erba, la pulizia di due piante e infine l’installazione di almeno due o tre lampioni. La vegetazione incolta in molte parti della città è motivo di lamentela anche di molti automobilisti che non riescono a intravedere neppure i segnali stradali coperti dai rami delle piante e ciò rappresenta un pericolo. Persino la grossa plancia pubblicitaria, che ospita manifesti di 6 metri per 3, posta su di un lato della rotatoria del Crocifisso, sotto il Parco di Villa Colloredo, è coperta nella parte alta dal fogliame di una pianta. Sul tema delle condizioni del verde interviene anche il gruppo politico di Fratelli d’Italia che invoca una sua puntuale manutenzione. "Vi è – afferma in una nota – il problema della sicurezza stradale: non si contano le strade la cui visibilità è ridotta a causa della vegetazione quasi tropicale, basti pensare a via Vinciguerra, la Provinciale, via Fratelli Farina o contrada Addolorata, solo per citare alcune segnalazioni arrivate dai cittadini. Sono impraticabili anche a piedi diverse strade, tra cui via Testena e via Angelita". Le segnalazioni dei responsabili del partito della Meloni riguardano anche la mini-cittadella dello sport, con erbacce ben visibili sia intorno al PalaCingolani che vicino alle tribune del nuovo stadio Tubaldi, e il sentiero di collegamento al Colle dell’Infinito, provenendo dal Centro Studi Leopardiani, ormai totalmente avvolto da rami e piante rampicanti.