I sindacalisti ieri davanti ai cancelli della iGuzzini di Recanati
I sindacalisti ieri davanti ai cancelli della iGuzzini di Recanati

Macerata, 2 ottobre 2021 - È stata convocata per martedì prossimo dalle organizzazioni sindacali l’assemblea dei dipendenti della IGuzzini Illuminazione, parte del Gruppo Fagerhult, per valutare la procedura di licenziamento collettivo avviata per 103 dipendenti, e due giorni dopo, giovedì 7 ottobre, ci sarà il primo incontro con i vertici dell’azienda. Sindacati e dipendenti non hanno alcuna intenzione di andare a contrattare numeri e persone, ma chiedono il ritiro immediato della procedura di mobilità per un così gran numero di dipendenti.

iGuzzini licenziamenti, l'ad: "Tutta colpa della pandemia"

Lo hanno ribadito con forza ieri mattina, davanti ai cancelli dell’azienda, Giuliano Caracini della Femca Cisl Marche, Marco Bracalente segretario provinciale Filctem Cgil, Pasqualina Basilicata, referente Cisl e operaia nel reparto assemblaggio, e Roberto Masella segretario provinciale Ugl e lavoratore nel reparto verniciatura. "Ci siederemo al tavolo per cercare soluzioni diverse – afferma Caracini – che vadano oltre la procedura di licenziamento, in particolare l’utilizzo di strumenti come la cassa integrazione straordinaria o i contratti di solidarietà".

"Nessuna trattativa – ribadisce Bracalente –, siamo disponibili a parlare di sviluppo, di ripresa e di rilancio della IGuzzini, mettendo però al centro la stabilità occupazionale e lo sviluppo professionale".

"Per noi – afferma Basilicata – l’azione dell’azienda non è stata un fulmine a ciel sereno, ne avevamo avuto sentore in diverse occasioni. D’altra parte è vero che sin dal marzo di un anno fa si è verificato un calo della produzione dovuto ovviamente al Covid e quando l’azienda ha iniziato a parlare di riorganizzazione abbiamo capito il pericolo che potevamo correre".

Non si fa tante illusioni Masella della Ugl: "Il colosso svedese, che ha acquisito la IGuzzini, come ogni multinazionale è abituata a vedere i numeri e non le persone. Ma noi non demorderemo. L’azienda ci ha sempre tenuto ai suoi dipendenti e al territorio, quindi speriamo di ottenere dei buoni risultati".

Un concetto che in una nota ribadisce anche Romano Carancini, consigliere regionale del Pd, che si appella all’azienda: "Un brand famoso in tutto il mondo, che tanto ha dato al nostro territorio ma che molto, molto di più ha ricevuto grazie a intere generazioni di lavoratori che hanno orgogliosamente contribuito a fare de iGuzzini un’autentica eccellenza. Al management attuale chiediamo non solo di non calpestare questa gloriosa storia, ma soprattutto di dimostrare con i fatti il rispetto per la dignità e il futuro di chi ha aiutato a scriverla".