Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 giu 2022

Il centrosinistra alla missione ballottaggio Pontieri in pressing: patto con la Squadroni

Micucci del Pd: "Dobbiamo confrontarci con tutti i candidati rimasti fuori". E Gismondi (La Nuova Città): "Ci parlerei anche subito"

15 giu 2022
lorena cellini
Cronaca

di Lorena Cellini

Missione ballottaggio, quindici punti percentuali da scalare per la candidata del centrosinistra, Mirella Paglialunga: è la misura dello svantaggio su Fabrizio Ciarapica: 31,18% contro il 46,59%. E se la candidata del centrosinistra, a caldo, in prospettiva alleanze ha parlato di "paletti e principi", gli alleati stanno invece lanciando dei messaggi per costruire ponti verso Silvia Squadroni, terza e con un bottino di voti che consente di non considerare chiusa la partita. In caso di alleanza, porterebbe in dote il 13,88%, regalando alla Paglialunga, sulla carta, la possibilità di giocarsela. C’è poi un altro 8,35% realizzato dalle altre forze: la civica di Paolo Maria Squadroni, arrivato quarto con il 3,93%, e la civica di Vinicio Morgoni al 2,85% (nel resocontare l’esito elettorale nell’edizione di ieri è stato abbinato alla lista Nova Urbs, invece collegata a Paolo Squadroni). Infine i 3V di Alessandra Contigiani con l’1,57%, l’unica che si è schierata contro il Partito democratico. Vento in poppa per il sindaco uscente, Fabrizio Ciarapica, ma con questi numeri tutto può succedere e un’altra variabile sarà l’affluenza al voto, al primo turno ferma al 51,7%. Al momento nessun contatto tra Mirella Paglialunga e Silvia Squadroni, ma non manca chi spinge sull’accordo. "Tra chi non è andato a votare al primo turno – osserva Francesco Micucci del Partito democratico – e chi ha votato contro Ciarapica, c’è un mare di elettori da portare alle urne insieme a quelli che ci hanno già dato la loro fiducia. Ora occorre lavorare per realizzare questo obiettivo. Dobbiamo ragionare con tutti i candidati rimasti fuori dal ballottaggio e con tutti i loro sostenitori". Anche Piero Gismondi (La Nuova Città) non ha dubbi. "Parlerei subito con Silvia Squadroni – dice –. Durante la campagna elettorale è stata netta la sua contrarietà a Ciarapica, quindi ritengo ovvio che ci possa essere un punto di incontro". Si espone anche Dimitri Papiri, primo per preferenze della lista "Nova Urbs" collegata a Paolo Maria Squadroni, e lancia un appello. "Auspico, tra tutti i candidati a sindaco non eletti, una unione forte di ‘salvezza comunale’ a sostegno della Paglialunga, anche perché un secondo mandato di questa amministrazione sarebbe devastante". Chiuso nel silenzio il Movimento Cinque Stelle. La parlamentare Mirella Emiliozzi si limita a dire: "Dobbiamo riunirci per valutare il risultato e che cosa fare al ballottaggio". Morgoni ha chiarito di essere pronto ad ascoltare tutti, ma il borsino del ballottaggio lo dà in avvicinamento alla coalizione di Fabrizio Ciarapica.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?