La casa di riposo villa Letizia si affaccia sul lungomare nord
La casa di riposo villa Letizia si affaccia sul lungomare nord
di Lorena Cellini La giunta Ciarapica ha deciso di vendere la casa di riposo villa Letizia, attualmente operativa e tra i fiori all’occhiello della città in campo di assistenza agli anziani. Il progetto passa sotto la voce "Proposta di riqualificazione urbanistico edilizia finalizzata alla realizzazione di una nuova struttura socio-sanitaria previa valorizzazione di immobili comunali". È un atto di indirizzo, ma di fatto mette sul mercato un immobile preziosissimo dal punto di vista del valore...

di Lorena Cellini

La giunta Ciarapica ha deciso di vendere la casa di riposo villa Letizia, attualmente operativa e tra i fiori all’occhiello della città in campo di assistenza agli anziani. Il progetto passa sotto la voce "Proposta di riqualificazione urbanistico edilizia finalizzata alla realizzazione di una nuova struttura socio-sanitaria previa valorizzazione di immobili comunali". È un atto di indirizzo, ma di fatto mette sul mercato un immobile preziosissimo dal punto di vista del valore economico, affacciato sul mare del litorale nord. Un patrimonio enorme, capace di attirare appetiti speculativi. La giunta, con la delibera 155 del 23 aprile, premette di volere realizzare un percorso progettuale finalizzato alla creazione di una nuova struttura socio-sanitaria in sostituzione di villa Letizia e di volere "rimodernare la città passando attraverso un processo di riqualificazione urbanistico edilizia di parte del patrimonio pubblico, non solo dal punto di vista strutturale ma anche per la ricerca di ulteriori fonti di finanziamento che diano la garanzia della loro concreta fattibilità". Il faro per l’amministrazione Ciarapica sono i soggetti privati perché il progetto si fonda "sulla ricerca – è scritto nell’atto – di speciali rapporti gestionali e attuativi in carenza di sufficienti risorse pubbliche". La vendita di villa Letizia non è nel programma di mandato e in questa storia la casa di riposo entra come patrimonio "che potrebbe essere alienato o dato in pagamento all’eventuale soggetto attuatore, il quale provvederà alla costruzione della nuova struttura socio-sanitaria e ricevere, da parte dell’amministrazione comunale, il ricavato della vendita della struttura quale corrispettivo in quota parte dell’importo complessivo sostenuto per la realizzazione dell’intervento". Tutto quindi stabilito in delibera. La nuova casa di riposo nelle intenzioni dovrebbe essere in grado di ospitare 100 posti letto. Definito dalla giunta anche il programma per sondare il mercato, deciso poi che villa Letizia sarà inserita nella lista degli edifici comunali in vendita. Passo successivo, la stesura di un bando di gara per la scelta del contraente. In questo iter Ciarapica e i suoi assessori hanno deciso di affidare anche un incarico esterno, all’ingegner Ermanno Frontaloni, il cui compenso ammonta a 8.000 euro per la prima fase della collaborazione con l’ente pubblico, che consisterà nell’attività di stima dei più probabili valori di mercato degli immobili comunali da valorizzare.