Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Il locale con il bollino etico "Un lavoro a chi è in difficoltà"

In corso Cavour la pinseria "Bonobo": un progetto commerciale e sociale

chiara sentimenti
Cronaca

di Chiara Sentimenti

"Imparare in allegria è il più bel lavoro che ci sia". Questo il motto che campeggia nella nuova pinseria "Bonobo" che ha aperto lunedì in corso Cavour. Non solo un progetto commerciale che porta una nuova attività a Macerata, ma soprattutto un progetto sociale che permetterà di dare lavoro a cinque persone svantaggiate in diversi settori.

Tutto è partito da un gruppo di soci, Roberto Pizzabiocca, Marianna Crucianelli ed Enrico Cherchi che, nel 2016, hanno aperto una cooperativa sociale di tipo B (ereditando un’idea di Andrea Cherchi) e dato lavoro a una decina di persone nelle due pinserie già aperte a Civitanova e Porto Sant’Elpidio. "Siamo partiti sempre a testa bassa, non dicendo ai nostri clienti in cosa consistesse il nostro progetto – spiega Pizzabiocca –. Dicevamo loro di entrare, provare la nostra pinsa e solo dopo spiegavamo chi l’avesse realizzata. Di solito collaboriamo con gli Ambiti sociali e con gli assistenti sociali dei Comuni da cui ci facciamo segnalare persone con difficoltà che possano essere stabilizzate nel mondo del lavoro. Abbiamo disabili civili, persone che soffrono di autismo, ma anche ragazze madri e over 40 che non riescono a ricollocarsi e, attraverso lo strumento del tirocinio, andiamo a stabilizzare cinque persone per ogni punto vendita". La cooperativa ha acquisito il "Bollino etico sociale" che certifica la validità del progetto, produce prodotti anche per celiaci certificati dall’Associazione italiana celiachia, collabora con "I bambini delle fate" per l’inclusione sociale e con Eni cafè. E il nome scelto "Bonobo" è in riferimento alle "scimmie che somigliano per il 97% all’uomo, non litigano mai e, anche per conquistare il territorio, si basano sull’amore. Per cui – conclude Pizzabiocca –, vogliamo diffondere amore con il nostro progetto".

Nella pinseria, che sarà aperta dalle 11 alle 21.30 per pezzi al taglio, da asporto e anche al piatto, è tornato a lavorare anche Paolo Bettucci, che per anni aveva gestito l’ex bar "Tazza ladra" ai Cancelli. "Tornare a lavorare a Macerata è una bellissima esperienza – racconta Bettucci (nella foto con Simone e Roberto Pizzabiocca) – e, con questo progetto, lo è ancora di più".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?