Macerata, 16 maggio 2018 – Una perizia psichiatrica (VIDEO) per stabilire se Luca Traini, il giorno della sparatoria contro gli extracomunitari a Macerata, fosse capace di intendere e di volere. È quanto ha disposto questa mattina la Corte di assise del tribunale di Macerata nel processo per strage, tentato omicidio plurimo, danneggiamento e porto d’armi, reati aggravati dall’odio razziale, nei confronti del maceratese.

L’incarico di eseguire la perizia verrà affidato il 23 maggio al professor Massimo Picozzi. Questa i giudici hanno rigettato le richieste della procura e delle parti civili. La difesa di una donna nigeriana ferita durante la sparatoria del 3 febbraio, chiedeva in particolare il sequestro conservativo dei beni di Traini. La procura chiedeva a sua volta una perizia di parte.

Traini, come a lui sostenuto dopo l’arresto, sparò per vendicare l’omicidio di Pamela Mastropietro.

LEGGI ANCHE Macerata, processo a Luca Traini. La ragazza ferita chiede 750mila euro

TRAINIF_30957361_101314