Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Luca Traini, la relazione di Picozzi. "Gesto organizzato, era lucido"

Secondo il perito della Corte era in grado di intendere e volere e come tale va condannato. Il difensore Giulianelli. "Ha disturbi bipolari"

di PAOLA PAGNANELLI
Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 17:48
Luca Traini

Macerata, 12 settembre 2018 - Quello di Luca Traini, è stato "un gesto organizzato compiuto da una persona capace di intendere e di volere". E' il parere che lo psichiatra Massimo Picozzi, in qualità di perito nominato dalla corte, ha argomentato per oltre due ore nell'aula della Corte d'Assise. Traini è accusato della sparatoria sfondo razziale dello scorso 3 febbraio e deve rispondere di strage, tentato omicidio, lesioni e danneggiamenti aggravati dai motivi di odio razziale.

Interrogando Picozzi, il difensore Giancarlo Giulianelli (VIDEO) ha fatto presente che il servizio penitenziario di Piacenza, dove Traini, è stato in osservazione e cura per trenta giorni durante l'estate, ha svolto una relazione concludendo che il 29enne presenta disturbi della personalità ed è emotivamente instabile. Una conclusione simile a quella della perizia di parte eseguita su incarico della difesa, dallo psichiatra Giovanni Camerini, secondo cui l'imputato sarebbe parzialmente incapace di volere a causa di un disturbo bipolare. Ma Giulianelli ha contestato anche il fatto che la perizia di Picozzi è stata eseguita dopo che l'imputato era stato in cura presso il carcere di Piacenza, con assistenza psichiatrica, colloqui e somministrazione di farmaci, che avrebbero avuto un effetto positivo sulla personalità di Traini, mentre la perizia di Camerini risale a subito dopo i fatti.

Giulianelli ha anche raccontato come Traini ha reagito all'arrivo in aula, sotto i riflettori. "L'impatto è forte, è un po' spaesato". Oggi, in aula ha incontrato anche i feriti nella sparatoria. "Ma non ha avuto nessuna reazione, il pentimento c'era già stato nei primi giorni dopo l'arresto".

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.