Un dirigente della Mediterranea Metalli, l’ex amministratore unico Claudio Liotti e l’avvocato Marinelli
Un dirigente della Mediterranea Metalli, l’ex amministratore unico Claudio Liotti e l’avvocato Marinelli

Macerata, 30 giugno 2017 – Maceratese con brivido, terza vendita in otto mesi col rebus dell’iscrizione in extremis al campionato di Lega Pro.

Tutto in un giorno – l’ultimo utile – e tutto in poche ore.

In mattinata i soci di minoranza Massimo Paci e Gabriele Cofanelli danno l’ok alla vendita (la terza in sette mesi) del club in extremis da parte dell’Adriatica Metalli di Claudio Liotti a Carlo Crucianelli, ex dirigente del settore giovanile della Rata durante la gestione Tardella.

Ma prima serve anche il via libera dell’ex presidentessa. E via al pomeriggio. Alle 16.30, nello studio dell’avvocato Nascimbeni, incontro tra Liotti (accompagnato dal legale Marinelli e da un dirigente della Mediterranea Metalli) e Mariella Tardella.

Dall’ex presidentessa arriva la rinuncia al vincolo sulle quote.

Così si formalizzano vendita (a 1 euro) e – giurano i napoletani – iscrizione al campionato. «La documentazione (compreso l’assegno di 30mila euro, ndr) è stata presentata alla Lega alle 18.58», dice Marinelli.

Il commercialista osimano Alessandro Chiaraluce, che segue la pratica con Crucianelli, conferma: «Dalla Lega tutto in regola».