Meli provvidenziale sul penalty, da Sbaffo un’ingenuità clamorosa

MELI 7,5: provvidenziale, gli altri giocatori offrono prestazioni di grande sostanza. MELCHIORRI 6,5: delizioso lo scavetto del gol, ma SBAFFO 6 commette un'ingenuità inusuale. Una partita complessa, con interventi provvidenziali e prestazioni di grande sostanza.

MELI 7,5: provvidenziale, non ci sono altri termini, sia per alcuni interventi davvero complessi durante i 90’, ma soprattutto per la prodezza sul secondo penalty di Candiano. I suoi riflessi sono davvero nettamente al di sopra della media.

LONGOBARDI 6: Forte è un "cliente" difficile con i suoi spunti e cerca di contenerlo. Sembra trovarsi maggiormente a suo agio sulla fascia sinistra.

FERRANTE 6: l’ammonizione da cui scaturisce la rete del Sestri lo condiziona e Pagliari, legittimamente lo sostituisce (RICCI 6: prestazione, come al solito, di grande sostanza).

PERETTI 6,5: reattivo, puntuale su Margiotta e su Gala. Una prova decisamente al di sopra della sufficienza.

MARINACCI 6: il suo "istinto" lo porterebbe sempre e comunque ad offendere ed invece deve contenere, talvolta con sicurezza, in altre circostanze con difficoltà.

SENIGAGLIESI 6,5: è sempre un fattore quando parte in velocità, ma il problema è costantemente quello di qualche personalismo di troppo che andrebbe evitato. Non si può avere tutto.

PRISCO 5,5: soffre sulla mediana le geometrie di Raggio Garibaldi e commette un paio di sbavature evidenti. In definitiva: molto meglio in altre circostanze.

MORRONE 6: la sua gara finisce al termine del primo tempo quando è costretto ad uscire dopo un duro contrasto. Fin lì senza infamia e senza lode (LIPARI 6: cerca qualche spunto e non riesce di un soffio).

CARPANI 6: gli avversari lo temono e lo braccano stretto, in particolare Podda e dunque le possibilità di rendersi insidioso si riducono notevolmente. Spostato al centro dà comunque il suo contributo.

SBAFFO 6: segna uno dei gol più agevoli della sua carriera, si contraddistingue per la solita generosità, ma nel secondo rigore ospite commette un’ingenuità davvero inusuale per un giocatore del suo lignaggio.

MELCHIORRI 6,5: delizioso lo "scavetto" del gol ma troppo "morbido" sull’ultimo rigore.