Minacciata con il coltellino: "Dammi tutto"

Minacciata con il coltellino: "Dammi tutto"

Minacciata con il coltellino: "Dammi tutto"

Le si è parato di fronte sbarrandole la strada con la bicicletta, poi ha tirato fuori un coltellino o qualcosa del genere e glielo ha puntato contro senza tirarla troppo per le lunghe. “Dammi tutto quello che hai, sbrigati”. Deve essere andata più o meno così (secodo una prima ricostruzione) l’altroieri verso le 19 dalle parti del parco di piazzale Europa, a Porto Recanati, dove una ragazza (mamma) che stava rientrando in casa spingendo il passeggino col figlioletto di pochi anni è stata affrontata da un balordo in bici e a volto scoperto, che le ha agitato in faccia un coltello per farsi consegnare denaro contante e oggetti di valore. Figurarsi lo spavento della donna per sé e il bimbo quando quel poco di buono sbucato da chissà dove le ha bloccato il passo impugnando una lama per minacciarla.

La malcapitata s’è affrettata ad allungargli ciò che aveva nel portamonete e poi la borsetta, senza che questi la toccasse, pur tenendola sempre sotto la minaccia del coltello. Quindi il rapinatore - all’apparenza italiano, con accento del luogo, così sarebbe stato descritto - s’è allontanato in bici nel parco, tornandosene da dove era venuto e squagliandosi col favore del buio. A quel punto la donna, impaurita e sotto choc, ha chiesto aiuto e chiamato i carabinieri, che dopo averne verificato le condizioni di salute e raccoltane la testimonianza, si sono messi sulle tracce

del balordo.

Potrebbe essere uno sbandato alla disperata ricerca di soldi e al momento è ancora uccel di bosco.

Non pare che al fatto abbiano assistito testimoni e intanto

si sta verificando l’eventuale presenza di telecamere nei paraggi che possano avere filmato la scena o inquadrato il soggetto in avvicinamento o durante la fuga. Indagini in corso.

ale. cap.