Macerata, 6 settembre 2021 - Tre corpi senza vita, in avanzato stato di decomposizione sono stati trovati attorno alle 9 di questa mattina in una villetta di Borgo Santa Croce a Macerata. Le vittime sono Eros Canullo di 81 anni, il figlio Alessandro di 54 anni e la moglie Angela Maria Moretti di 75 anni. Il padre è stato trovato in bagno, la donna sul letto e il figlio invalido vicino alla madre ai piedi del letto. Il figlio era rimasto invalido dopo l'incidente avvenuto qualche anno fa: finita la benzina, era sceso dall'auto per chiedere aiuto ma era stato travolto. Dopo mesi era uscito dal coma, ma le sue condizioni non erano mai tornate normali. 

Il punto Macerata, morti in casa: l’allarme caduto nel vuoto, poi la tragedia

AGGIORNAMENTO Morti in casa a Macerata, il figlio rimasto disabile dopo un incidente. “Vite stravolte”

Morti in casa a Macerata

L'allarme è scattato dopo la telefonata di un parente da Milano, che non aveva notizie della famiglia da tempo. Stando alle prime ipotesi, i tre sarebbero morti da due o tre mesi. Sul posto 118, polizia e vigili del fuoco. Dai primi accertamenti, non ci sarebbero segni di violenza sui corpi. Non si esclude l'ipotesi di una disgrazia. I termosifoni sono stati trovati accesi e questo fa pensare che il decesso risalga a vari mesi fa. Sul luogo i vigili del fuoco, che hanno sfondato la porta, la polizia e il 118.

false

Il medico legale Roberto Scendoni ha apppena fatto un primo esame sui corpi ma dovrà effettuare l'autopsia per capire i motivi del decesso. Intanto pare sia esclusa l'intossicazione da mondossido perché tutti gli impianti sono stati trovati in regola.

Il sindaco di Macerata: "Tragedia che ha sconvolto la nostra comunità"

"Quanto avvenuto oggi a borgo Santa Croce è una tragedia che ha sconvolto l'intera comunità e che ci fa riflettere; tutta la città di Macerata si stringe intorno al dolore dei familiari e dei conoscenti della famiglia Canullo": è quanto ha scritto il sindaco Sandro Parcaroli sulla propria pagina Facebook in merito alla tragedia familiare. "È evidente che le situazioni di solitudine e fragilità stanno aumentando in questo momento così difficile e dobbiamo essere tutti, istituzioni e cittadini, più attenti e solleciti nel riuscire a captare i bisogni legati all'isolamento sociale", ha aggiunto il sindaco.