Musicultura, finalissima oggi allo Sferisterio con tanti ospiti sul palco

Questa sera la finalissima di Musicultura a Macerata: otto finalisti si contendono il titolo. Premio Banca Macerata di 20mila euro in palio. Conducono Paola Turci e Carolina di Domenico. Speciali riconoscimenti e esibizioni previste.

Musicultura, finalissima oggi allo Sferisterio con tanti ospiti sul palco

Musicultura, finalissima oggi allo Sferisterio con tanti ospiti sul palco

Questa sera, dalle 21, va in scena la finalissima della XXXV edizione di Musicultura allo Sferisterio di Macerata, dove verrà proclamato il vincitore assoluto 2024. A contendersi il titolo gli otto vincitori finalisti: Nico Arezzo con la canzone "Nicareddu", Anna Castiglia con "Ghali", De.Stradis con "Quadri d’autore", Nyco Ferrari con "Sono fatto così", Bianca Frau con "Va tutto bene", Helle con "Lisou", Eugenio Sournia con "Il cielo" e The Snookers con "Guai". Al vincitore assoluto verrà consegnato il Premio Banca Macerata di 20mila euro La finalissima, condotta dalla coppia Paola Turci e Carolina di Domenico, vedrà l’esibizione di Enzo Avitabile che insieme ai Bottari festeggerà a Musicultura i 20 anni di "Salvamm‘ o munno"; verrà insignito dell’Onorificenza per Alti Meriti Artistici con cui l’università di Macerata e l’università di Camerino rendono annualmente omaggio nell’ambito di Musicultura a grandi protagonisti della musica e della parola. E poi ci saranno la cantautrice Nada, Carlotta Proietti (foto), figlia d’arte, e Alessandro Bianchi con la sua comicità. Altri significativi riconoscimenti verranno consegnati ai giovani vincitori finalisti, il Premio PMI per il miglior progetto discografico, il Premio delle Università di Macerata e di Camerino per il miglior testo, l’ambita Targa della Critica intitolata a Piero Cesanelli, l’ideatore di Musicultura e suo direttore artistico dalla prima edizione fino al 2019. Tra le novità di quest’anno, un nuovo, speciale riconoscimento il Premio "La Casa in riva al Mare" che verrà assegnato ad uno degli otto vincitori da una giuria composta dai detenuti della Casa di reclusione di Barcaglione di Ancona che hanno seguito un percorso laboratoriale musicale.