"Non ci interessano le spartizioni, ma solo il futuro del Cosmari"

"Non ci interessano le spartizioni, ma solo il futuro del Cosmari"

"Non ci interessano le spartizioni, ma solo il futuro del Cosmari"

"Tolentino non merita di essere territorio di scontro tra bande partitiche". I gruppi consiliari di maggioranza, Tolentino Popolare, Tolentino Civica e Solidale, Riformisti Tolentino, intervengono dopo il Pd e l’ex candidata sindaco Silvia Luconi (centrodestra) sulla questione cda del Cosmari. Il Pd aveva evidenziato come, per la prima volta dalla nascita del consorzio avvenuta circa 45 anni fa, Tolentino fosse "fuori dalla governance, esclusa dai sindaci del centrodestra". La Luconi aveva invece ribattuto: "Il sindaco Mauro Sclavi non è tenuto in debita considerazione da coloro che lo hanno portato alla vittoria, Pd in primis". "Ancora una volta Tolentino è, suo malgrado, oggetto delle logiche politichepartitiche di destra e di sinistra, che l’hanno isolata da ogni contesto provinciale e regionale – esordisce la maggioranza -. Questa volta terreno di scontro è il Cosmari: si tenta ogni tipo di strumentalizzazione della nostra coalizione civica, alla guida della città. È vero, Tolentino per il prossimo anno fino alla scadenza del mandato di questo cda non avrà un componente, ma è bene sottolineare come il caos che si è venuto a creare sia frutto di logiche assurde che hanno riguardato l’ex sindaco Pezzanesi, che ha preteso, a seguito della sua mancata elezione in Regione, un posto da presidente, cosa che i partiti di centrodestra, senza neanche troppa voglia, hanno accordato nonostante fosse chiaramente illegittimo. Il sindaco Sclavi si è trovato di fronte a una situazione complicata, dove lo spazio di manovra era limitato. Un centrodestra spaccato tra chi voleva mantenere questo cda e chi voleva cambiarlo solo per spartirsi dei posti. Giustamente il sindaco ha scelto la via della continuità, pensando sempre al bene dell’ente, alla competenza dei componenti del cda invece che alla loro appartenenza politica. Non entriamo nei battibecchi tra Pd e Luconi. Contrariamente a chi pensa solo alla spartizione dei posti, a noi interessa il futuro del Cosmari".