Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
26 apr 2022

"Non dimentichiamoci di rimanere umani"

L’appello di Rocchetti (Anpi) alla cerimonia provinciale di San Severino, dove il monumento alla Resistenza è stato inaugurato dopo i lavori

26 apr 2022
Il taglio del nastro del monumento alla Resistenza di San Severino dopo i lavori di recupero
Il taglio del nastro del monumento alla Resistenza di San Severino dopo i lavori di recupero
Il taglio del nastro del monumento alla Resistenza di San Severino dopo i lavori di recupero
Il taglio del nastro del monumento alla Resistenza di San Severino dopo i lavori di recupero
Il taglio del nastro del monumento alla Resistenza di San Severino dopo i lavori di recupero
Il taglio del nastro del monumento alla Resistenza di San Severino dopo i lavori di recupero

"Il 25 Aprile festeggiamo davvero se riusciamo a chiedere al mondo che tacciano le armi e si ritorni a parlare". Parole del presidente dell’Anpi maceratese, Francesco Rocchetti, alla cerimonia provinciale per il 77esimo anniversario della Liberazione, ospitata quest’anno a San Severino alla presenza di tutte le più importanti autorità civili e militari del territorio. Rocchetti, augurando "tanta Liberazione a tutti", ha sottolineato che "senza la pace non può esserci futuro e che solo con essa si possono intraprendere il cammino e lo sviluppo pieno dei diritti civili; soltanto con la democrazia si possono aiutare i più fragili; solo quando non ci dimentichiamo di ‘essere umani’ possiamo costruire un mondo migliore". Alla manifestazione hanno partecipato tante persone: scolaresche, sindaci, rappresentanti di associazioni, sindacati e istituzioni locali. Il corteo si è mosso da piazza del Popolo e, sulle note del Corpo filarmonico "Adriani", ha raggiunto il monumento alla Resistenza che è stato ri-inaugurato dopo i lavori di restauro curati dal laboratorio Mastro T di Emanuele Ticà. Il monumento è lì dal ‘65, opera di Arnaldo Bellabarba, indimenticato scultore e pittore settempedano, zio di Donella, attuale presidente dell’Anpi di San Severino, la quale è intervenuta tracciando la storia di questo luogo della memoria. "È un simbolo – ha detto – per ricordare la dura lotta che ci ha consentito oggi di essere qui, quel prezzo di sangue, quel sacrificio combattuto dai partigiani e dagli alleati contro la barbarie nazifascista. La nostra Costituzione è nata dalla sconfitta di nazismo e fascismo, non dobbiamo mai dimenticarlo: l’Italia repubblicana è contraria a ogni nazionalismo, foriero di guerre". Dopo la deposizione della corona d’alloro e il taglio del nastro, è stato il sindaco settempedano Rosa Piermattei a salutare i presenti: "È ai giovani che dedichiamo questa cerimonia assieme a chi, oggi, si deve difendere dagli oppressori. Ci sono popoli, come l’Ucraina, che sono alle prese con l’orrore già vissuto dalla nostra Nazione. Per questo ci sentiamo in dovere di urlare al mondo: no alla guerra, sì alla pace. Ai giovani lancio il mio appello perché si facciano portavoce dei valori di libertà, uguaglianza e giustizia. È a loro che dobbiamo tramandare il vero significato della memoria. Solo così potremo continuare a difenderci dalle tragedie del nostro passato". A seguire hanno preso la parola Orietta Minnucci per lo Spi-Cgil (che ha sostenuto finanziariamente il restauro) e David Ballini della Cisl Macerata in rappresentanza delle organizzazioni sindacali. La cerimonia si è conclusa con l’intervento degli alunni delle scuole locali, introdotti dal sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi di San Severino, Alessandro Bordo. Hanno letto brani di Pietro Calamandrei e poesie di Calvino, Rodari e Szymborska.

m. g.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?