Arriva a Recanati un altro finanziamento della Regione Marche perché il territorio sia dotato di un nuovo centro del riuso da realizzarsi ad integrazione dell’esistente centro di raccolta e a supporto di quello già da tempo in funzione a Montecassiano, dove vi si rivolgono i residenti dei comuni di Appignano, Montecassiano, Recanati, Treia e recentemente anche Montefano. Il dirigente del Servizio regionale ha stanziato già a fine anno la somma di 200 mila euro a favore del Comune leopardiano precisando che la spesa dovrà avvenire entro il 2022. L’Ufficio tecnico comunale in questi giorni ha già conferito i primi incarichi professionali per la redazione della relazione geologica preliminare e definitiva e della verifica preliminare dell’interesse archeologico. Se ne occuperanno, quindi, il geologo Marta Lupetti a cui per la redazione della relazione geologica preliminare e definitiva per l’intervento sarà corrisposto un compenso lordo complessivo di poco meno di 2.400 euro, mentre per la verifica preliminare dell’interesse archeologico ad occuparsene sarà Davide Squillace (per il quale la previsione è di mille euro di compenso lordo).

Antonio Tubaldi