Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

"Ora c’è bisogno di leggerezza Questa sera al Politeama si ride"

"Cassini&Friends", ospite il comico Impastato: "È un modo per tornare a quella normalità che tutti meritiamo"

lucia gentili
Cronaca
Il comico Gianluca Impastato salirà sul palco del Politeama oggi alle 21.15
Il comico Gianluca Impastato salirà sul palco del Politeama oggi alle 21.15
Il comico Gianluca Impastato salirà sul palco del Politeama oggi alle 21.15

di Lucia Gentili "Ridere e far ridere sono due facce della stessa medaglia. Ci fa stare bene. Ora più che mai c’è bisogno di leggerezza, è un modo per tornare a quella normalità che tutti ci meritiamo". Sono le parole del comico Gianluca Impastato, che questa sera alle 21.15, al Politeama di Tolentino, sarà l’ospite d’eccezione del primo appuntamento di "Cassini&Friends". Si tratta di un format innovativo in cui, oltre all’attore Dario Cassini, si esibiranno per quattro serate giovani comici e ospiti speciali del panorama cabarettistico nazionale. Seguiranno Claudio Batta domenica 27 febbraio alle 18, Gabriele Cirilli sabato 12 marzo alle 21.15 e Dado giovedì 28 aprile alle 21.15. Biglietti a partire da 12 euro, al botteghino del Politeama in corso Garibaldi dalle 17 (online su http:www.liveticket.itpoliteamatolentino). L’ingresso, nel rispetto della normativa anticontagio, è consentito esibendo il Green Pass rinforzato e indossando la mascherina Ffp2. "Cassini&Friends" è organizzato in collaborazione con Tigamaro. Impastato, qualche anticipazione sulla serata? "Innanzitutto ringrazio Dario per avermi invitato, abbiamo fatto tanti lavori insieme e amo le Marche; l’estate scorsa sono stato a Matelica, conosco la costa e finalmente vedrò anche il Politeama di Tolentino. Stasera si ride, bisogna rendere le cose più leggere nel tentativo di tornare alla normalità. Nello spettacolo comico cercherò di fare qualcosa di mio che la gente ricorda ma anche di lasciare qualcosa di nuovo. Per noi far ridere è fondamentale, anche per il nostro benessere; una risata, le vibrazioni positive dalla platea ci fanno stare bene. Lavoriamo a contatto con il pubblico". Come sono stati questi due anni? "Il nostro settore è stato penalizzato, perché ovviamente gli eventi sono diminuiti: con amici e colleghi ci confrontiamo e per rendere più umano il nostro lavoro ci siamo incontrati tra di noi nelle case. Cosa che prima non succedeva. C’è voglia di riprendere quello che abbiamo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?