Innocent Oseghale e nel riquadro la sua vittima Pamela Mastropietro
Innocent Oseghale e nel riquadro la sua vittima Pamela Mastropietro

Macerata, 15 marzo 2018 - "Sono uscito per vendere marijuana a una persona che mi aveva chiamato. La ragazza l'ho lasciata viva a casa, con Desmond; quando circa 3-4 ore dopo sono tornato a casa e l'ho trovata già dentro le valigie". Questa l'ultima versione dei fatti fornita da Innocent Oseghale, sulla morte di Pamela Mastropietro.

Il nigeriano l'ha riferita ad uno dei suoi legali, avvocato Umberto Gramenzi, che ha avuto con lui un colloquio in carcere ad Ascoli Piceno con
l'ausilio di un interprete di lingua inglese. Il nigeriano, accusato di omicidio, vilipendio, soppressione e occultamento di cadavere, ha ribadito di non aver ucciso la giovane ragazza romana e nemmeno di aver partecipato alle operazioni di sezionamento del cadavere.

"Mi ha detto che la ragazza era stesa sul letto, dopo aver assunto eroina, e che, sebbene non stesse bene, si stava comunque riprendendo - racconta Gramenzi -. L'altro, Desmond Lucky (anche lui in carcere, ndr) era invece steso sul divano. Non c'era nessun altro». Oseghale sarebbe uscito per andare a spacciare marijuana. "Dice che quando è tornato nell'abitazione diverse ore dopo, la ragazza era già stata chiusa nelle valigie"

Nei giorni scorsi l'avvocato Gramenzi aveva annunciato che avrebbe cercato di spingere Oseghale a dire la verità. "E' l'unica cosa che può fare - aveva detto - se vuole sperare di avere un qualche minimo, minimissimo beneficio». Il nigeriano è accusato per la morte della diciottenne romana Pamela Mastropietro.  Con il legale, in carcere a San Marino del Tronto, anche il codifensore Simone Matraxia e un interprete di inglese, per essere certi che non ci siano fraintendimenti anche se il nigeriano parla un po’ di italiano.

CARABIN_29371556_195506

All’accertamento tossicologico ha preso parte anche l’avvocato Gianfranco Borgani, che assiste un altro degli accusati, Lucky Desmond. I difensori di Oseghale hanno nominato anche un medico legale come consulente, il professor Mauro Bacci dell’università di Perugia. Sia il Ris di Roma che i medici legali con il tossicologo Rino Froldi hanno chiesto una ulteriore proroga, di altri 15 giorni per questi ultimi, prima di depositare le conclusioni dei loro accertamenti. È trapelato però che il Dna di Oseghale era sul corpo della ragazza, e lui avrebbe fatto delle dichiarazioni con le quali avrebbe ammesso le sue colpe, parlando con la compagna in carcere.

image