La mamma di Pamela con i fuori di Traini (foto Calavita)
La mamma di Pamela con i fuori di Traini (foto Calavita)

Macerata, 4 maggio 2018 – Un mazzo rose bianche e fiori rosa stretto da una fascia con la firma Traini Luca (Lupo). È l’omaggio fatto recapitare stamattina all’obitorio di Macerata da dove è partito, alla volta di Roma, il feretro di Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa il 30 gennaio. Traini, in carcere dopo la sparatoria contro gli extracomunitari africani, ha voluto partecipare così all’ultimo saluto della città alla ragazza. Domani a Roma sarà celebrato il funerale.

image

L'intercettazione choc: "Innocent mi chiese se volevo stuprarla"

All’obitorio di Macerata, dove il feretro è stato benedetto dal vescovo Nazzareno Marconi, c'erano un centinaio di persone, tra cittadini comuni e autorità, per strigersi attorno alla mamma di Pamela (VIDEO), al papà, allo zio e alla nonna, in città da ieri, oltre a diversi politici tra cui il sindaco Romano Carancini e Deborah Pantana, la consigliera comunale di Forza Italia rimasta molto vicina alla mamma di Pamela sin dal giorno dell’omicidio della ragazza.

MASTROPIETRO_30846645_151208

Con la famiglia della ragazza c'erano anche alcune amiche, in lacrime, della giovane. Il sindaco Carancini ha avuto un colloquio privato con Alessandra Verni, la mamma della 18enne. Poi, quando il feretro è stato portato fuori, la mamma è uscita stringendo in mano i fiori di Traini. Quindi ha abbracciato a lungo il tassista che portò Pamela ai giardini Diaz, ma che tentò di dissuaderla e si rivolse poi subito ai carabinieri quando il giorno seguente lesse la notizia del ritrovamento del corpo. 

image