Ancona, 29 maggio 2018 - "Pamela è stata violentata e chiediamo giustizia per lei, chiediamo che le indagini vengano svolte a 360 gradi partendo dal momento in cui si è allontanata dalla comunità". Così questa mattina si è espressa Alessandra Verni la madre di Pamela Mastropietro la diciottenne fatta a pezzi a gennaio a Macerata.

VERNI_31425852_133732

La donna insieme ad amici e familiari di Pamela  è stata ad Ancona, con striscioni e magliette commemorative, davanti al tribunale dove in mattinata si è svolto il riesame per Innocent Oseghale, considerato l'autore materiale del delitto. Il gip infatti non ha riconosciuto elementi sufficienti per contestargli la violenza sessuale, decisione che è stata impugnata dal procuratore Giovanni Giorgio e contestata anche dai familiari di Pamela, rappresentati dallo zio di Pamela, l'avvocato Marco Valerio Verni (VIDEO). La decisione nei prossimi giorni. 

PAMELA1_OBJ_FOTO_9_30865619

Fu comunque lo stupro il movente dell'omicidio di Pamela, per il Procuratore Giovanni Giorgio, che lo ha ribadito ai giudici del Tribunale del riesame di Ancona per chiedere l'applicazione del carcere anche per violenza sessuale. La decisione arriverà nei prossimi giorni. Per l'accusa, la giovane subì abusi mentre era stordita dall'eroina e venne accoltellata dal 29enne, dopo essersi
sentita male. Per cancellare le tracce, dice la Procura, Oseghale fece a pezzi il corpo, pulendolo con candeggina anche nelle parti intime e tentando di farlo sparire. Le accuse sono respinte dai difensori, avvocati Umberto Gramenzi e Simone Matraxia, che affiancavano in aula Oseghale rimasto in silenzio