Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Pamela Mastropietro, Oseghale continua a proclamarsi innocente

Il nigeriano sarà sentito venerdì. Il suo avvocato: "Vuole ammettere le sue responsabilità, ma sull'omicidio continuerà a proclamarsi innocente"

di PAOLA PAGNANELLI
Ultimo aggiornamento il 18 luglio 2018 alle 16:40
Pamela Mastropietro aveva 18 anni

Macerata, 19 luglio 2018 - "Quando sono tornato a casa, Pamela era già morta". Questo dirà venerdì mattina Innocent Oseghale, accusato per l'omicidio della diciottenne romana Pamela Mastropietro, avvenuto a Macerata il 30 gennaio. "Il nigeriano ha chiesto di essere sentito per confessare, per ammettere le sue responsabilità, ma sull'omicidio continuerà a proclamarsi innocente", ha anticipato l'avvocato Umberto Gramenzi, che lo difende con il collega Simone Matraxia.

Al termine delle indagini, il procuratore capo Giovanni Giorgio e il sostituto Stefania Ciccioli hanno accusato Oseghale di essere il solo responsabile del macabro delitto: quel giorno avrebbe accolto la ragazza in casa, le avrebbe messo a disposizione l'eroina e l'avrebbe violentata; poi, per non far scoprire questa violenza, l'avrebbe uccisa con due coltellate al fegato e poi fatta a pezzi, lavandola con la candeggina e asportando alcune parti dove pensava si potessero trovare delle tracce. Infine, l'avrebbe chiusa in due trolley e l'avrebbe abbandonata sul bordo di una strada di campagna, dove sarebbe arrivato in taxi.

LEGGI ANCHE Le intercettazioni choc

La procura ha trovato il suo materiale biologico nella ragazza, e le sue impronte sul sangue nella mansarda dove lei sarebbe stata uccisa e fatta a pezzi. Eppure a quanto sembra anche venerdì, nell'interrogatorio chiesto da lui, il nigeriano continuerà a proclamarsi innocente. Bisognerà vedere ora se fornirà elementi nuovi a sostegno della sua teoria, tali da far emergere una diversa ricostruzione di quell'orrore.

LEGGI ANCHE Omicidio di Pamela, i giorni di Oseghale in carcere. "Ottanta euro al mese per le pulizie"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.