Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Innocent Oseghale

Macerata, 10 luglio 2018 - «Voglio parlare». Innocent Oseghale, unico accusato per l’omicidio di Pamela Mastropietro, ha chiesto di essere interrogato per dare la sua versione su quella orribile vicenda. Ieri mattina l’avvocato Simone Matraxia, che lo difende con il collega Umberto Gramenzi, ha depositato in procura l’istanza per l’interrogatorio, consentito all’indagato dopo l’avviso di conclusione delle indagini.

Contro Oseghale, che ha saputo nei giorni scorsi dagli avvocati della nascita del suo secondo figlio, ci sono una serie di elementi, raccolti dai carabinieri sotto la direzione del procuratore capo Giovanni Giorgio e il sostituto procuratore Stefania Ciccioli: lui ha incontrato Pamela in fuga dalla Pars la mattina del 30 gennaio; lui l’ha accompagnata a casa sua, nella mansarda di via Spalato; lui ha portato in taxi a Casette Verdini i due trolley con i resti della povera diciottenne; tracce di suo materiale biologico sono state trovate nel corpo della ragazza con l’autopsia; e infine con il luminol, che ha evidenziato le tracce di sangue lavate con la candeggina nella mansarda, sono state trovate le sue impronte, che non solo quelle lasciate da chi vive lì ogni giorno, ma quelle impresse quando a terra c’era il sangue della diciottenne, fatta a pezzi, lavata con la candeggina e poi chiusa nelle valigie. Per questo, per il momento, solo lui è accusato di questo feroce e incomprensibile omicidio.

FINORA la versione del nigeriano, con lievi modifiche, è stata quella di essere scappato di casa quando la ragazza si era sentita male, dopo aver assunto l’eroina insieme con Lucky Desmond; al suo rientro, ha dichiarato, tutto era pulito e in ordine, la ragazza era uscita e in casa non c’era più nessuno. Sul fatto di aver portato lui i trolley a Casette Verdini non ha mai saputo dare spiegazioni. Ora forse, avendo compreso quale scenario si prevede per lui, con l’accuse di omicidio volontario, vilipendio e occultamento di cadavere, si è deciso a dire la verità. L’interrogatorio dovrebbe essere fissato entro la fine della prossima settimana.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.