Cingoli, è morto Paolo Angeletti
Cingoli, è morto Paolo Angeletti

Cingoli (Macerata), 20 giugno 2019 - Stava tornando a casa in auto nella tarda serata dell’altroieri, quando ha accusato un improvviso malore: ha avuto la forza di parcheggiare in una piazzola di sosta in cui è stato trovato senza vita. Paolo Angeletti è morto per un arresto cardiaco all’età di 45 anni. Era originario della frazione di Troviggiano e la notizia ha addolorato il paese e si è diffusa anche a Cingoli. Lascia la moglie Edys, la mamma Rita, la sorella Luana.

Angeletti, dipendente dell’azienda agroalimentare Fileni in attività nella zona industriale Cerrete Collicelli, aveva terminato il turno di lavoro: con la propria auto aveva percorso la provinciale verso Jesi, lasciandola per inserirsi sulla superstrada per raggiungere Moie di Maiolati, nell’Anconetano, dove abitava con la moglie. A Moie si era trasferito da quasi dieci anni.

Erano ormai le 22 quando, pur sentendosi male, è riuscito a parcheggiare nello spazio della superstrada in cui è stato trovato. Alcuni automobilisti di passaggio hanno notato la macchina ferma: sono stati avvertiti i carabinieri e sul posto sono giunti i militari della stazione di Maiolati. Proprio ai carabinieri è toccato il compito di dare la tragica notizia alla moglie. Dopo le constatazioni di legge, dalle onoranze funebri Gigli la salma è stata trasferita nella sala del commiato a Mummuiola di Cingoli. Il funerale sarà celebrato domani alle 10, nella chiesa parrocchiale di Troviggiano. Al rito seguirà la tumulazione nella tomba di famiglia nel cimitero della stessa borgata.