Le Marche si attestano prima regione produttrice della pesca piatta Saturnia. Un prodotto che è vanto dell’agricoltura regionale, con una superficie di coltivazione di 100 ettari nel 2020 per un volume produttivo previsto di 15-18mila quintali nella stagione di raccolta 2021. Nei prossimi cinque anni l’azienda agricola Eleuteri di Civitanova, che detiene il marchio Saturnia, dedicherà ulteriori 100 ettari al nuovo gruppo varietale "nettarina Saturnia": un raddoppio della superficie. L’investimento, di circa tre milioni di euro, comprende anche la realizzazione di un nuovo magazzino di confezionamento a Porto Potenza. Le coltivazioni della pesca Saturnia si dividono tra le province di Macerata e Fermo e l’azienda è alla ricerca di nuovi terreni dove piantare le nuove varietà. "A oggi la produzione di pesca Saturnia è assorbita interamente dal canale della grande distribuzione organizzata italiana – le parole di Marco Eleuteri (nella foto), titolare dell’azienda insieme alla sorella Laura –. Con il raddoppio della superficie coltivata diventerà un prodotto disponibile anche per il mercato internazionale e potremo ampliare il raggio in maniera importante. Al momento molti impianti sono nuovi e quindi non in piena produzione, ma già nel prossimo biennio la produzione potenziale arriverà a 30mila quintali". L’azienda Eleuteri metterà a dimora nuove varietà: la Saturnia nettarina piatta, a buccia liscia, nelle versioni a polpa bianca e gialla.