Quotidiano Nazionale logo
29 apr 2022

Macerata, picchia la moglie perché innamorata di una donna

Giovane mamma insultata e pestata anche dal padre. Scatta il codice rosso: la vittima e il figlio sono stati portati in un luogo sicuro

paola pagnanelli
Cronaca
featured image
La donna è stata picchiata dal marito

Macerata, 29 aprile 2022 - Voleva separarsi dal marito per vivere la sua relazione con una donna. Ma una giovane mamma si è ritrovata picchiata con ferocia non solo dal marito, ma anche da suo padre, decisi a tutto pur di non lasciarla andare. È quanto sarebbe successo mercoledì sera in un centro della provincia, che non indichiamo per impedire di rendere riconoscibili i protagonisti di questa vicenda drammatica e violenta.

Da qualche tempo la donna, madre di due bambini, aveva scoperto di essersi innamorata di un’altra donna. Aveva così deciso di separarsi dal marito, e lo aveva detto sia a lui che alla famiglia, spiegando le sue motivazioni. Un atto di onestà che però non sarebbe stato affatto apprezzato dalla sua famiglia. Il marito le avrebbe infatti detto che non poteva avere una relazione omosessuale, e che per questo le avrebbe portato via i bambini per sempre. Terrorizzata, lei si era rivolta a un avvocato per capire quanto ci fosse di vero in queste minacce, e per chiedere aiuto: avendo sempre seguito da sola i bambini, aveva sempre avuto poco modo di guadagnare abbastanza per mantenere se stessa o i figli. Mercoledì dunque ha incontrato un avvocato, che l’ha rassicurata sui suoi diritti spiegandole che in nessun modo l’omosessualità di un genitore poteva essere ritenuto un motivo per allontanarla dai figli. La donna dunque era tornata al suo paese, e con uno dei bambini era andata al bar dove aveva incontrato l’amante: le due stavano parlando tranquillamente, senza alcun comportamento che potesse alimentare voci o creare difficoltà soprattutto in considerazione della presenza del piccolo, quando all’improvviso sono arrivati il padre e il marito, che malamente hanno preso il bambino e lo hanno portato a casa. Poco dopo, anche lei è tornata a casa, senza avere il minimo sospetto di quello che la stava aspettando.

Nell’appartamento c’erano il padre, la madre e suo marito. I due uomini, sebbene fosse presente il figlio piccolo, avrebbero iniziato prima a insultarla e poi a picchiarla: due maschi contro una donna sola. Una scena inguardabile, a cui invece avrebbe assistito la madre senza muovere un dito in difesa di sua figlia, picchiata in quel modo. Per fortuna, a un certo punto sarebbero arrivati i carabinieri che avrebbero messo fine a quel pestaggio.

La donna con il figlio sono stati accompagnati prima al pronto soccorso, dove sono state documentate le lesioni subite, per fortuna a quanto sembra non gravissime, e poi in un posto sicuro. Un fascicolo è stato depositato in procura: si tratta di un codice rosso, un caso di violenza di genere che viaggia con una corsia preferenziale, per evitare che si intervenga troppo tardi in difesa della parte più debole. Ora gli inquirenti dovranno valutare come procedere, dopo aver raccolto le prime informazioni su quanto accaduto.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?