Il corpo  di Azkaa Riaz è stato trovato lungo la strada provinciale 485
Il corpo di Azkaa Riaz è stato trovato lungo la strada provinciale 485

Morrovalle (Macerata), 26 febbraio 2018 - All'inizio sembra una tragica fatalità: una ragazza pachistana travolta e uccisa da un’auto mentre cammina a bordo strada. Ma troppi elementi non tornano e nel giro di poche ore arriva la svolta, con il padre della 19enne fermato con l’accusa di omicidio preterintenzionale (FOTO). Secondo le prime ipotesi, l’uomo non avrebbe accettato la volontà della figlia di emanciparsi dalla rigida educazione paterna. Né avrebbe tollerato il fidanzamento della figlia con un connazionale. Un rapporto conflittuale nel quale il 44enne avrebbe in più occasioni pestato la 19enne e gli altri figli, tanto da essere già indagato per maltrattamenti in famiglia.
 
Tutto comincia alle 20 di sabato, quando la polizia stradale viene allertata per un investimento lungo la provinciale a Trodica di Morrovalle, a venti chilometri da Macerata. Azkaa Riaz, pachistana di 19 anni residente a Recanati, è riversa sull’asfalto in fin di vita: viene caricata su un’ambulanza per essere rianimata, ma muore dopo pochi minuti. Sul luogo della tragedia c’è anche il padre Muhammad Riaz, muratore pakistano di 44 anni. Riferisce agli agenti della Polstrada che la figlia è stata travolta da una Ford C-Max. «La mia auto era in panne – racconta –, così lei è scesa. Il tempo di far ripartire la macchina ed è stata travolta». Il 52enne alla guida della Ford dà però una versione opposta. «Non ho travolto nessuno: la ragazza era già sull’asfalto quando le sono passato sopra». E in effetti l’auto non presenta danni al cofano e al parabrezza, così gli accertamenti vanno avanti fino a notte fonda. 
Il caso arriva sulla scrivania di Micaela Piredda, sostituto procuratore di Macerata. Quei nomi non le sono nuovi: il magistrato collega subito la morte di Azkaa a un fascicolo per maltrattamenti in famiglia di cui si sta occupando in prima persona. La stessa Piredda aveva chiesto e ottenuto un incidente probatorio (fissato per dopodomani) per sentire la ragazza insieme con i suoi due fratelli e la sorella, nell’ambito dell’indagine sul padre. I primi accertamenti sul cadavere hanno poi confermato i sospetti: il medico legale Roberto Scendoni avrebbe riscontrato sul volto della ragazza delle tumefazioni che sembrano incompatibili con le conseguenze di un investimento. Al contrario, sarebbero riconducibili a delle percosse. Il 44enne è stato quindi portato al comando dei carabinieri di Macerata, dove è stato interrogato dal sostituto procuratore Piredda. L’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere e non avrebbe fornito spiegazioni sui segni delle percosse. Così è scattato il fermo, con l’accusa di omicidio preterintenzionale. Riaz è stato portato in carcere a Montacuto, anche per evitare che potesse fuggire: il muratore, infatti, sarebbe stato in procinto di tornare in Pakistan, dove tuttora vivono la moglie e altri due figli.
 
«È distrutto e continua a ripetere che la figlia è stata investita dall’altra auto», riferisce l’avvocato Francesco Antonio Laganà. Questa mattina nuovi elementi arriveranno dall’autopsia. Da quanto hanno ricostruito i carabinieri di Recanati, i maltrattamenti in famiglia sarebbero cominciati da circa un anno, tanto che i tre figli minorenni sono stati affidati da qualche mese a una comunità. In precedenza la famiglia era stata ospitata per alcuni mesi in un albergo di Montelupone, dopo aver perso la casa per il terremoto. Quanto ad Azkaa, che aveva finito di studiare e non lavorava, conduceva una vita molto riservata. Usciva raramente; in casa si occupava dei fratelli e delle faccende domestiche. L’uomo al volante della Ford è indagato per omicidio stradale.