Riattivati i servizi sospesi per la pandemia

Sono stati riattivati alcuni servizi, temporaneamente sospesi durante la pandemia, alla casa di riposo "Casa Amica" di Camerino. "In particolare si è dato spazio ai volontari dell’Avulss che assicurano la presenza nella struttura almeno tre giorni la settimana – spiega il presidente della Fondazione Casa Amica Angelo Montaruli –; questo avverrà nel pomeriggio per fare compagnia, ascoltare e dialogare, aiutare nelle piccole necessità gli ospiti. Il parroco della chiesa di San Venanzio don Marco Gentilucci inoltre ha confermato la presenza almeno due volte al mese per celebrare la messa nella struttura. Infine sono allo studio altre iniziative per migliorare la condizione degli ospiti. Il sindaco Roberto Lucarelli, io e il cda ringraziamo l’Avulss (Associazione di volontariato nelle unità locali socio-sanitarie), don Marco per la disponibilità dimostrata nella riattivazione di questi fondamentali servizi". Il cda è composto, oltre che dal presidente Montaruli, da Chiara Marsili (vicepresidente) e dai consiglieri Anna Rita Biancofiore, Giovanni Biondi e Tiziana Vitali.