La rievocazione storica della trebbiatura
La rievocazione storica della trebbiatura

Macerata, 2 luglio 2014 - La ventinovesima edizione della Rievocazione storica della trebbiatura riproposizione antichi mestieri, degustazione dell’oca si è lasciata alle spalle le prime quattro giornate, si è concessa tre giorni di riposo per tirare il fiato e oggi riparte con concludersi domenica prossima 6 luglio attraverso un gran finale che tutti si attendono davvero spettacolare.

Il bilancio della prima parte della Rievocazione sicuramente positivo sotto ogni punto di vista. Grande successo sta ottenendo la mostra fotografica “I maestri artigiani:a bottega per imparare un mestiere”. Successo clamoroso anche per la Mare-Monti raduno di moto d’epoca con oltre duecento gli iscritti con moto bellissime arivate da mezza Italia: Umbria, Marche, Toscana, Emilia Romagna. Hanno fatto bella mostra attraverso un percorso sicuramente spettacolare disegnato da Giovanni Bistosini e Pacifico Quarchioni. Non è stata da meno la gara nazionale di bocce a terna a campo libero con oltre centocinquanta partecipanti. Spettacolare la rievocazione storia della mietitura con la partecipazione del gruppo folk “Li pistacoppi”.

Immancabili e partecipato il gran ballo sotto le stelle. Si riparte oggi con degustazione dei piatti tipici della trebbiatura e in serata sempre il gran ballo sotto le stelle con la partecipazione con la partecipazione di gruppi musicali di ottima qualità come Gianni e Marina, Stefano Group, le Monelle e nell’ultima serata,quella di domenica sei luglio con l’orchestra “Ritmo italiano”. Nelle giornate di venerdi e sbato esibizione, nel corso della serata, die due scuole di ballo:Hangel Salsero e Latinsalsa. La giornata clou domenica sei si aprirà con la settima selezione degli oli extravergine di Oliva della Provincia di Macerata per l’assegnazione dell’Ascellu d’oro.

Alle dodici Santa messa,alle tredici la “Tavolata della trebbiatura”, alle sedici inizio dell’attesissima rievocazione storica della trebbiatura con oltre cento figuranti,mezzi rigorosamente d’epoca. Pezzo raro la trebbia costruito dal oltre un secolo da una storica ditta Rossini di Macerata mantenuta come un gioiello di famiglia. L’evento più importante dell’avvio dell’estate maceratese in questa direzione è pronto ad esplodere in tutta la sua valenza nonostante che da più parti in modo quanto mai perverso si è cercato di ostacolarla. Anche per l’occasione chi ha provato a creare ostacoli ha perso.