Scappato un altro richiedente asilo

Dopo i 4 titolari del diritto di asilo politico, che nel settembre scorso si sono allontanati da Recanti dove erano ospiti del progetto di accoglienza "Pomerium", gestito dalla Cooperativa Cooss Marche di Ancona, ecco che, a distanza di un mese, c’è un altro ospite che si è allontanato senza preavviso, facendo perdere le sue tracce. L’amara sorpresa è stata fatta dalla coordinatrice del progetto di Recanati che ha dovuto amaramente prendere atto che uno degli ospiti – presente a Recanati dal dicembre scorso – si era allontanato senza comunicare niente e anche dopo alcuni giorni non ha fatto ritorno né ha dato notizie di sé. Da qui la decisione, prevista dalla legge, di procedere nei suoi confronti alla revoca delle misure di accoglienza per assenza ingiustificata superiore alle 72 ore. Sino alla fuga dei 4 il progetto SAI Pomerium, nato nel 2016 dalla volontà dell’Amministrazione per dare risposta a un gruppo di rifugiati politici accolti nel territorio recanatese, seguiva 18 persone di cui 15 provenienti dal Pakistan, Afghanistan, Gambia, Somalia, Costa d’Avorio, Mali e Bangladesh e un nucleo familiare composto da 3 persone provenienti dall’Ucraina. Tra gli adulti 12 sono già inseriti nel mondo lavorativo in aziende di vari settori. La presa in carico dei beneficiari del progetto viene garantita da un’equipe multidisciplinare. Il bando di gara predisposto nel 2021 prevede per il triennio 20212023, con ulteriore rinnovo per altro triennio, un finanziamento complessivo di 1.313.000 euro, Iva esclusa.

Asterio Tubaldi