Sciopero nella ristorazione. Martedì la protesta dei lavoratori

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil proclamano sciopero nazionale il 4 giugno per i lavoratori della ristorazione collettiva. Contestano le imprese e chiedono migliori condizioni.

Sciopero nella ristorazione. Martedì la protesta dei lavoratori

Sciopero nella ristorazione. Martedì la protesta dei lavoratori

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno dichiarato lo stato di agitazione, il blocco di qualsiasi forma di flessibilità e proclamato lo sciopero nazionale per martedì 4 giugno per i lavoratori del settore della ristorazione collettiva dipendenti di Authentica spa, Eurotourist new spa, Dussmann Service srl, Serenissima spa, Euroristorazione, Siristora Global Service, Vivenda spa, Compass Group, Italia spa, Gruppo Elior, Genesi srl, Pedevilla spa, Sodexo Italia spa, Italcatering srl, Felsinea ristorazione srl, Ser Car Ristorazione Collettiva spa, Sir Sistemi italiani di ristorazione.

Le lavoratrici e i lavoratori della provincia di Macerata si uniranno al presidio previsto ad Ascoli Piceno dalle 10,30 alle 13 di fronte alla sede della Confindustria. "A più di un anno dalla ripresa delle trattative per il rinnovo del Contratto di lavoro dei pubblici esercizi di ristorazione collettiva commerciale e turismo – spiegano i sindacati – le imprese della Ristorazione Collettiva associate ad Anir e Angem Confindustria hanno diffidato le organizzazioni sindacali firmatarie del contratto dall’intraprendere qualsiasi determinazione che riguardi il comparto stesso. In un contesto economico che risente ancora dell’impennata inflattiva e del conseguente aumento del costo della vita, che impatta sulle condizioni di vita dei lavoratori di questo comparto, caratterizzato per lo più da lavoro femminile e povero con orari part time con percentuali molto basse, la scelta di Anir e Angem Confinustria è l’ennesima umiliazione inflitta a tutti i lavoratori del settore".