Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

"Taglio delle classi, inviata la diffida"

SAN GINESIO

Diffida inviata. Il sindaco di San Ginesio Giuliano Ciabocco (nella foto), come anticipato nei giorni scorsi, ha provveduto all’invio della "diffida con contestuale richiesta di accesso agli atti e documenti amministrativi". L’istituto superiore Gentili potrebbe non avere la classe prima del liceo Scienze umane – Linguistico; a rischio anche due classi prime (anziché una) della secondaria di primo grado, con alunni diversamente abili. Il primo cittadino ha già incaricato l’avvocato dell’ente a intraprendere un’azione legale. "E’ stato conferito – si legge nel documento mandato per conoscenza anche a Regione, Provincia e Unione montana Monti Azzurri – espresso mandato al legale di verificare la (il)legittimità di alcuni atti dell’Ufficio scolastico regionale che, peraltro, non possono considerarsi definitivi e che, in ogni caso, devono considerarsi sub iudice perché in procinto di essere gravati avanti alle autorità giurisdizionali competenti (…). Poiché nulla di definitivo è stato deciso, e le comunicazioni dall’Usr sono all’esame degli organi politico-amministrativi ed è prossima – ove non venissero correttamente emendate –l’impugnazione delle stesse, in qualità di sindaco invito e diffido a non promuovere iniziative di sorta, volte a reindirizzare gli alunni già iscritti alle scuole di San Ginesio. Creano confusione e rischiano di vanificare gli sforzi posti in essere dalla comunità ginesina". Infine il sindaco chiede di conoscere il numero degli iscritti al liceo Scienze umane, Linguistico, Scientifico e Scienze applicate del Gentili alla data del 6 febbraio.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?