Macerata, 11 aprile 2018 - «È come se fossimo tornati all’ottobre del 2016. Si ricomincia daccapo». Allarga le braccia Luca Esposto mentre mostra le ferite lasciate dal terremoto (FOTOnella sua nuova casa. Non ha fatto in tempo a metterci piede, che si trova di nuovo in mezzo alla strada: con la sua famiglia è tra i venti nuovi sfollati di Pieve Torina (VIDEO). La sfortuna sembra essersi accanita con gli Esposto, tra i pochi in paese ad aver ottenuto dalla Regione una casa in muratura invece delle famigerate soluzioni abitative d’emergenza. Se nelle Sae, con le scosse di ieri, al massimo è venuto giù qualche pensile, nelle case tradizionali sono arrivate nuove inagibilità. Anche se si tratta di edifici antisismici, di recentissima costruzione, come quelli in località Piane, a pochi metri dall’area Sae che ospita oltre decento famiglie (VIDEO). 

Intanto anche questa notte si sono registrate nuove scosse, la più forte di magnitudo 3,4 alle 2 in zona Pieve Torina. Altre scosse di minore entità con lo stesso epicentro anche in mattinata: le più forti di magnitudo 2.3 e 2.4 poco prima delle 8.

Crollano i pensili antisismici / FOTO

SISMA_30310989_085938

«Strutturalmente la casa dovrebbe essere a posto – spiega Esposto, che con la sorella Daniela gestisce in un prefabbricato il bar Expo –. Però all’interno ci sono diverse crepe e filature. Sono venuti giù dei pezzi di intonaco, in alcune parti si vedono i mattoni. Le scale sono coperte di detriti. Ci sono delle pareti in cartongesso che non hanno retto, alcune porzioni di battiscopa si sono staccate. I tecnici hanno già svolto un sopralluogo e ci hanno detto che qui non possiamo stare. Siamo in sei: non sappiamo dove passeremo la notte».

CASETTE_30335708_115451

 

FOTO e VIDEO / Danni anche nelle casette

È un incubo che ricomincia quando sembrava vedersi la luce in fondo al tunnel. «Eravamo in quella casa da una settimana – spiega il barista –, dopo un anno e mezzo da sfollati. Con le scosse di ottobre 2016 avevamo perso la casa e il bar in paese. Così io avevo preso in affitto un appartamento a Taverne di Serravalle, mentre il resto della famiglia era stato un po’ in roulotte e un po’ a Colfiorito». Un anno e mezzo dopo le scosse di ottobre, era arrivata la nuova sistemazione. «Ci hanno dato questa casa: eravamo tutti contenti, anche perché abbiamo il bar in un prefabbricato, qui vicino. Lo abbiamo riaperto due mesi fa, per noi questa nuova casa era una comodità. Abbiamo fatto il trasloco con tutta la fatica e tutto lo stress che comporta: abbiamo portato i nostri mobili, alcuni li abbiamo dovuti tagliare perché le misure non corrispondevano. Insomma, è stato un lavoro impegnativo. Però eravamo soddisfatti. Poi, passa una settimana e ci troviamo di nuovo senza casa. È una cosa che ti distrugge». Quando c’è stata la scossa di magnitudo 4.6 Luca era già al lavoro nel bar.

image

I sindaci: "Ripiombati nell'emergenza"

«La paura è stata tanta, come sempre». «Io ho una bambina piccola – aggiunge Daniela da dietro il bancone del bar –, ci avevano detto che nella nuova casa saremmo stati al sicuro. Teoricamente si tratta di un edificio antisismico, sarà stato costruito cinque o se anni fa. E invece ora non sappiamo dove passeremo la notte. Sono stata in roulotte per un anno e mezzo, ma non vogliamo tornarci». A Pieve Torina sono sei le famiglie sfollate dopo le ultime scosse. «Chi ha subito danni – assicura il governatore Luca Ceriscioli – avrà diritto al contributo di autonoma sistemazione o all’ospitalità in albergo, oltre a tutte le forme di assistenza e accoglienza che sono state applicate in occasione delle precedenti scosse».

L'appello: "Prolungare il tempo per le verifiche"

image