Camerino (Macerata), 6 dicembre 2018 - Sospesa la fornitura di gas Eni in quattro casette Sae a Camerino per un presunto disguido contrattuale.

image

LEGGI ANCHE Terremoto Marche 2016, casetta divorata dalla muffa. "Dormo in sala"

"Non possiamo accettare l'interruzione di un pubblico servizio. I nostri cittadini già duramente colpiti dal sisma non possono trovarsi senza la possibilità di cucinare e riscaldarsi. Siamo al fianco delle famiglie costrette a subire l'ennesimo disagio per fatti non imputabili alla Regione". Così in una nota l'assessore regionale alla Protezione Civile delle Marche Angelo Sciapichetti commenta la segnalazione, arrivata da Camerino.

LEGGI ANCHE Terremoto Macerata, le casette continuano a marcire: "Costretti ad andarcene"

image


"La Regione Marche, non appena è venuta a conoscenza dell'interruzione della fornitura di gas per quattro famiglie che vivono nelle Sae di Camerino, ha provveduto a contattare tempestivamente i referenti Eni - continua Sciapichetti -. Abbiamo attivato tutti i nostri canali affinché venga risolto il più velocemente possibile un disservizio non imputabile alla Protezione civile regionale. La scelta del fornitore dei servizi è infatti in capo all'assegnatario della casetta con le regole del libero mercato". 

Eni gas e luce esprime "innanzitutto il proprio dispiacere per l'accaduto e precisa di aver dato al distributore immediato ordine di riapertura delle forniture, che potrebbe avvenire già in serata". La società ha subito avviato tutte le verifiche necessarie "per individuare le ragioni all'origine della vicenda".