Trimestre incoraggiante Export con il vento in poppa grazie al comparto moda

Macerata al secondo posto nelle Marche per gli affari con l’estero. Mengoni di Confartigianato: "Si conferma l’attrattività delle nostre aziende".

Trimestre incoraggiante  Export con il vento in poppa  grazie al comparto moda

Trimestre incoraggiante Export con il vento in poppa grazie al comparto moda

Export provinciale e regionale con il vento in poppa. Nei primi tre mesi di quest’anno la provincia di Macerata ha segnato un significativo +18,6%, al secondo posto nelle Marche dopo quella di Fermo (+23,6%) e prima di quella di Ascoli Piceno (+18,1%), il terzetto che ha fatto da traino (segue l’anconetano e, poi, il pesarese quest’ultimo l’unico territorio che registra una flessione). Questo il quadro che emerge dai dati elaborati dall’Ufficio studi di Confartigianato Marche. A livello settoriale, si registra una crescita a doppia cifra del comparto Moda (+22,1% a livello regionale), che trascina i settori a maggiore concentrazione di medie e piccole. In questo caso la provincia di Macerata occupa la posizione di testa (+23,9% rispetto al primo trimestre 2022), seguita da Fermo (+23,6%) e Ascoli Piceno (+18,1%). Ed è un segnale importante, visto che – nonostante tutto – stiamo parlando ancora di uno degli assi portanti dell’economia maceratese. I dati, peraltro, confermano l’ottimismo espresso a fine febbraio da Matteo Piervincenzi, presidente della sezione Calzaturieri di Confindustria Macerata, e altri imprenditori appena rientrati dalle fiere Micam, Mipel e Lineapelle (al Micam c’erano 101 espositori marchigiani, 43 dei quali maceratesi). Va anche evidenziato che nell’export complessivo incidono ancora fortemente le vendite all’estero di prodotti farmaceutici. Nei primi tre mesi del 2023, gran parte delle regioni italiane registrano incrementi dell’export in valore: i più marcati nelle Marche, che segnano un +101,9%, regione che da sola contribuisce per 2,8 punti percentuali alla crescita su base annua dell’export nazionale, dovuta alle vendite verso la Cina. In questo comparto svettano le province di Ascoli Piceno e Ancona. "Si conferma l’attrattività delle nostre imprese sui mercati esteri, che rappresentano uno sbocco importante per le nostre produzioni" afferma Enzo Mengoni, presidente territoriale Confartigianato Imprese Macerata, Ascoli Piceno, Fermo. "La guerra in Ucraina e il conseguente blocco del mercato russo – continua - hanno destabilizzato il settore, ma i nostri imprenditori sono stati molto abili a trovare accordi commerciali e superare le difficoltà. E’ fondamentale proseguire sulla strada dell’internazionalizzazione. Ringraziamo Regione e Camera di commercio delle Marche per il supporto concesso alle imprese nel prendere parte alle più prestigiose attività fieristiche di settore".

Franco Veroli