Unicam e la partnership con Tokyo: 37 studenti giapponesi a Camerino

La quarta edizione del summer camp tra l'Università di Camerino e la Toyo University di Tokyo vede 37 studenti giapponesi e i loro professori impegnati in un programma di studio su disastri naturali e crisi economica. I ricercatori hanno visitato il centro storico per analizzare possibili direttrici di sviluppo.



Unicam e la partnership con Tokyo: 37 studenti giapponesi a Camerino
Unicam e la partnership con Tokyo: 37 studenti giapponesi a Camerino

Continua la collaborazione tra l’università di Camerino e la Toyo University di Tokyo giunta alla quarta edizione di un summer camp che vede impegnati sul territorio camerte 37 studenti di cinque facoltà dell’ateneo giapponese e i loro professori. Il programma, dal primo settembre a ieri, ha avuto per oggetto lo studio di territori colpiti da disastri naturali e l’impatto della crisi economica conseguente alla pandemia. L’Università Toyo è specializzata in processi di ricostruzione e di rivitalizzazione economica dedicandosi, in particolare, alle aree interne. In collaborazione con il Comune, il gruppo di ricerca ha visitato il centro storico e i titolari di attività commerciali ora delocalizzate al Sottocorte Village e nel quartiere di Vallicelle per una visione concreta delle problematiche e l’analisi di nuove possibili direttrici di sviluppo. Gli studenti hanno incontrato il professor Graziano Leoni, pro rettore vicario, il professor Renato De Leone, delegato del rettore per l’internazionalizzazione, il professor Riccardo Pettinari, responsabile del centro di ricerca Chip e la professoressa Lucia Ruggeri, che ha curato il programma di collaborazione.