Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Vaccini obbligatori, a Macerata controlli del Nas sulle autocertificazioni

Verifiche in una materna e una primaria. Sono stati incrociati i documenti forniti alle scuole e quelli dei distretti sanitari

di FRANCO VEROLI
Ultimo aggiornamento il 6 settembre 2018 alle 07:52
I controlli dei Nas sono a campione

Macerata, 7 settembre 2018 - Vaccini obbligatori per entrare a scuola: scattano i controlli del Nas. Nell’ambito di una più vasta operazione che ha interessato tutte le province delle Marche, i carabinieri hanno effettuato controlli anche in una scuola dell’infanzia e una primaria in un comune che rientra nell’Area vasta 3 di Macerata.

I militari prima hanno raggiunto la sede della scuola per acquisire dati che, poi, sono andati a incrociare con quelli presenti negli ambulatori vaccinali. Il controllo, a campione, ha riguardato tutta la documentazione, in particolare le autocertificazioni, vale a dire il documento prodotto dai genitori per riferire delle condizioni dei figli o del fatto che, pur non essendo vaccinati, hanno però prenotato la vaccinazione.

I carabinieri del Nucleo antisofisticazioni e sanità hanno effettuato le verifiche sugli obblighi vaccinali senza preavviso. «Riguardano le autocertificazioni – conferma il comandante del Nas di Ancona, maggiore Sandro Sborgia –. Stiamo effettuando verifiche incrociate tra quanto dichiarato e quanto risulta invece nei distretti sanitari di competenza. Sono controlli a campione per capire se l’adempimento vaccinale dichiarato è stato poi effettivamente eseguito».

Gli accertamenti sono iniziati nei giorni scorsi, in vista della riapertura della scuola dell’infanzia e delle elementari. Al momento non risultano irregolarità, ma l’attività è solo all’inizio. Certo è che il numero delle vaccinazioni, anche grazie all’obbligo sancito dalla legge, è fortemente aumentato. Ma la vera e propria cartina di tornasole si avrà quando riprenderanno le lezioni, vale a dire lunedì 17 settembre.

A quel punto si capirà quanti bambini delle scuole dell’infanzia resteranno fuori dalle aule scolastiche perché non vaccinati; e quanti saranno i genitori dei bambini non vaccinati della primaria pronti a pagare la multa (in questo caso i piccoli possono continuare a frequentare le lezioni): i presidi non sono disposti a fare sconti. E anche il governo, secondo le ultime notizie, almeno per quest’anno sembra intenzionato a seguire la stessa strada.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.