Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

L’Unesco adotta San Ginesio

I progetti della Fondazione Merloni: centro di telemedicina e mappa digitale per la sicurezza

di LUCIA GENTILI
Ultimo aggiornamento il 23 luglio 2017 alle 12:47
L’arrivo di Irina Bokova (foto Calavita)

San Ginesio (Macerata), 23 luglio 2017 - L’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura adotta San Ginesio. Un gesto, grazie al prezioso intervento della Fondazione Aristide Merloni, che ieri ha portato con sé molti doni: l’inaugurazione negli ambulatori dell’Asur di un Health point, un centro di telemedicina per anziani e una piattaforma per la digitalizzazione del territorio tramite una rete di dispositivi e sensori con Enel e-distribuzione ed Ericsson, la Dynamic Maps for the security of territory. Malgrado l’assenza del presidente del comitato scientifico della Fondazione Merloni Enrico Letta e dell’ex presidente del consiglio dei ministri Romano Prodi, il direttore generale Unesco Irina Bokova, Francesca e Francesco Merloni e Gian Mario Spacca hanno presentato i progetti di rilancio dopo il sisma.

«Sono qui per testimoniare l’impegno dell’Unesco a sostegno della Fondazione Merloni e del centro di San Ginesio – ha commentato la Bokova scesa dall’elicottero – affinché sia una comunità resiliente con tecnologie avanzate e meno rischi. È importante stare vicino a un centro simile, perché non è il più grande o il più famoso e bisogna dare un messaggio di speranza. Sono qui per partecipare alla rinascita di una città creativa».

L’Health point, già attivo, permetterà ai pazienti di essere seguiti a distanza (ad esempio ieri il collegamento in diretta era con un cardiologo del centro di telemedicina Inrca di Ancona). Teleassistenza, teleconsulto e monitoraggio consentiranno, collegandosi semplicemente a internet, di avere rilevazioni biomediche rapide e sicure sebbene il borgo non abbia un ospedale vero e proprio. L’altro grande dono, nonché primo esperimento in Italia, è la mappa digitale per la sicurezza del territorio, a supporto anche dell’economia locale. La mappa permetterà, collegata anche all’Ingv, di individuare punti critici, franosi, siti sensibili.

L’APP potrà essere scaricata sugli smartphone. «Grazie – ha esordito il sindaco Mario Scagnetti –. È una giornata speciale per tutto il territorio. San Ginesio ha 8mila abitanti su 80 chilometri quadrati e si trova a 700 metri. Ma è stata scelta come laboratorio per lo sviluppo dell’Appennino: è da sempre un centro d’arte e formazione, è polo di studi e ricerche fin dai tempi di Alberico Gentili, uno dei padri del diritto internazionale e consigliere della regina Elisabetta; la scuola è arrivata nel 1881, è sede di uno dei più antichi teatri delle Marche. Ma il vero terremoto per San Ginesio, ben più grave delle scosse, è stato sociale, cominciato quando il borgo ha iniziato a perdere abitanti e occupazione. Dal 1951 al 1971, in particolare, ha perso 2.730 unità e nel tempo le giovani coppie si sono spostate lungo la costa. Ed ecco che progetti come quelli di oggi sono la nostra salvezza e quella delle città vicine, delle aree interne. Significa guardare avanti».

«Aiutateci a rimanere qui – ha aggiunto l’unico altro sindaco del cratere presente ieri, Giuliano Pazzaglini di Visso, rivolgendosi alle autorità –. Siamo legati a San Ginesio da una profonda amicizia: anche noi siamo Bandiera Arancione del Touring Club e siamo uno dei Borghi più belli d’Italia, anche noi siamo conosciuti per prodotti di qualità. Ma che cosa dobbiamo fare per ripartire, pur mantenendo le eccellenze? Siamo pronti a trasformare i pezzi della nostra identità, senza andarcene».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.