Sale l'attesa per il Macerata Opera Festival 2019
Sale l'attesa per il Macerata Opera Festival 2019

Macerata, 12 luglio 2019 - Una luce #rossodesiderio sta per accendersi sullo Sferisterio, dov’è iniziato il conto alla rovescia per il debutto della 55esima stagione lirica che si terrà il 19 luglio. Una serata con la «Carmen» di Georges Bizet, per la regia di Jacopo Spirei e la direzione musicale di Francesco Lanzillotta, che ha tagliato il primo record della stagione. Il debutto del secondo anno, che vedrà alla guida della grande macchina operativa la direttrice Barbara Minghetti, infatti, si aprirà con il tutto esaurito. Un’iniezione di positività che riporta alla mente la Turandot che, due anni fa aprì la stagione con un altro tutto esaurito, e poi ne segnò altri tre nelle repliche.

«Siamo molto contenti, perché è un dato che arriva in anticipo e che speriamo possa essere un buon viatico per la stagione», spiega il sovrintendente Luciano Messi. Ma l’aria che tira attorno allo Sferisterio sembra essere decisamente positiva e crescente, di settimana in settimana, anche per le altre due opere in cartellone. «Il 30 giugno sono scaduti i termini per le prenotazioni e quella data per noi è importante perché ci permette di avere il quadro definitivo sulla prevendita – continua Messi –. Il botteghino è in crescita rispetto allo scorso anno, 770mila euro (tra venduto e prenotato) contro i 720mila registrati al 30 giugno dello scorso anno, 13mila i biglietti venduti, contro i 12mila del 2018».

E nei giorni scorsi sono anche iniziate le prove allo Sferisterio per le due opere di nuova produzione, mentre il Rigoletto, che per Macerata è un ritorno, dopo la rappresentazione del 2015, ancora non ha calcato il palco dell’arena, dove arriverà dalla prossima settimana. Dopo il debutto con «Carmen» del 19 luglio (repliche 28 luglio, 3 e 10 agosto), sabato 20 luglio (repliche 26 luglio e 4 agosto) sarà la volta di «Machbeth» di Giuseppe Verdi, per la regia di Emma Dante e la direzione musicale di Francesco Ivan Ciampa. Una coproduzione realizzata dall’Associazione Sferisterio con il Teatro Massimo di Palermo e il Regio di Torino. Nel ruolo di lady Macbeth arriva, per la prima volta a Macerata, Saioa Hernandez che ha inaugurato l’ultima stagione del teatro alla Scala nei panni dell’eroina Odabella di verdiana memoria.

A chiudere la stagione un gradito ritorno, il «Rigoletto» di Verdi, per la regia di Federico Grazzini e la direzione musicale di Giampaolo Bisanti, che sarà in scena domenica 21 luglio, con repliche il 27 luglio e il 2 e 9 agosto. Quattro serate, quella del 28 luglio, 2, 3 e 4 agosto poi saranno accessibili anche a non vedenti e ipovedenti, grazie al percorso con le audiodescrizioni. Nelle stesse serate tornano anche i percorsi tattili per sordi. Il Macerata Opera Festival, però, non è solo lirica ma anche grande musica internazionale con i concerti di Loreena McKennit (il 24 luglio), i 100Cellos (31 luglio), Raphael Gualazzi (il 7 agosto), l’Orchestra di Piazza Vittorio (l’8 agosto) e Neri Marcorè con l’omaggio a De André (l’11 agosto). E anche teatro con Sergio Rubini e Giampaolo Bandini che, il 25 luglio, porteranno il pubblico sul palco.