Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 lug 2022
27 lug 2022

"Anno tranquillo, ci sono le basi"

L’esperto dirigente Cossu fa il punto sulla Recanatese: "Sbaffo sarà determinante"

27 lug 2022
Il. dirigente Alessandro Cossu
Il. dirigente Alessandro Cossu
Il. dirigente Alessandro Cossu
Il. dirigente Alessandro Cossu
Il. dirigente Alessandro Cossu
Il. dirigente Alessandro Cossu

"Non si può non essere ottimisti e fiduciosi quando ci si occupa della Recanatese: con un patron come Guzzini, un braccio destro come Camilletti ed un staff dove c’è una totale sinergia tra allenatore e Ds ci sono le basi almeno per un campionato tranquillo". La previsione, più che l’auspicio, è di Alessandro Cossu, dirigente di lungo corso che segue assiduamente gli sviluppi del campionato di Serie C e che pronostica, sull’onda lunga della stagione scorsa, un’annata nella quale la Recanatese potrà togliersi delle soddisfazioni. "Pagliari – prosegue –, con le sue capacità ed il suo occhio è in grado di individuare i giocatori giusti al posto giusto. Ma dirò di più: con la sua esperienza può anche contribuire alla crescita della società che si appresta ad affrontare un’avventura nuova tra i professionisti. Lo dimostrano anche gli innesti che sono stati operati, da Carpani a Marilungo, ossia rinforzi mirati e che danno ampie garanzie. Se parliamo di Sbaffo poi sono convinto che in terza serie possa anche essere più determinante che in D". Non si rischia però di avere un deficit di esperienza, specie in qualche reparto dove, per forza di cose, ci si dovrà affidare a qualche giovane? "Non è solo la Recanatese che dovrà fare minutaggio. Inoltre diversi ragazzi provengono dall’esperienza dell’anno scorso, da Somma a Quacquarelli, da Gomez a Meloni e Marafini. Non li dobbiamo scoprire certamente ora". Senza dimenticare un altro nuovo arrivo, Zammarchi: "E’ molto bravo – dice Cossu senza esitazioni –. Un giocatore che può diventare importante e di cui sentiremo parlare. Ha fatto bene la Recanatese a dargli fiducia". Pur con le enormi incertezze che riguardano Imolese e Fermana come vede, in generale, questo girone? "Probabilmente ci saranno meno stelle rispetto all’anno scorso ma credo che Reggiana e Virtus Entella dovrebbero emergere. Riporrei grande attenzione anche all’Ancona con quei due, tre giocatori che stanno per arrivare. Se Colavitto sarà bravo ad amalgamarli può puntare anche in alto. Il Gubbio ha un tecnico vincente come Braglia ed anche il Rimini ha fatto un mercato importante. La rivelazione? Occhio al Fiorenzuola che ha rapporti consolidati e storici con club di A e B". Vedremo una Recanatese magari più guardinga e meno scintillante? "Non credo proprio. Magari all’inizio si baderà al sodo, poi a salvezza raggiunta credo ci si potrà divertire". Infine l’amichevole di sabato contro l’Ascoli, alle 17,30 a Porto San Giorgio, sarà trasmessa in diretta da Tvrs sul canale 13.

Andrea Verdolini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?