Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
13 lug 2022
13 lug 2022

Paniconi: "Cbf Balducci, test con Perugia, Pesaro e Sant’Elia"

13 lug 2022
Il tecnico Luca Paniconi
Il tecnico Luca Paniconi
Il tecnico Luca Paniconi
Il tecnico Luca Paniconi
Il tecnico Luca Paniconi
Il tecnico Luca Paniconi

"Il 24 agosto ci sarà il raduno e il giorno dopo le ragazze inizieranno ad allenarsi". Luca Paniconi, confermato coach della Cbf Balducci, sta programmando la prima stagione nell’A1 femminile di volley del club maceratese. "In questi giorni – spiega – stiamo predisponendo i test per farci trovare pronti per il 22 ottobre quando inizierà il campionato. Di sicuro giocheremo contro il Sant’Elia (A2), poi affronteremo Vallefoglia e per due volte contro Perugia, probabilmente l’8 e il 15 ottobre". La schiacciatrice Polina Malik si aggregherà al gruppo qualche giorno dopo per gli impegni della nazionale. "Non ho visto bene i roster – Paniconi parla del campionato – ma ritengo che sarà un torneo diviso in tre fasce. Nella prima ci saranno le pretendenti per il titolo come, per esempio, Conegliano, Scandicci, Monza, Novara, poi possono inserirsi Chieri e Busto Arsizio che solitamente hanno organici di valore. C’è poi una fascia centrale con le formazioni che hanno l’aspettativa di un torneo tranquillo con la speranza di disputare i playoff". E infine c’è la terza fascia dove ci sarà la Cbf Balducci il cui obiettivo è mantenere la categoria. Quest’anno si potranno ammirare giocatrici fortissime. "Non ci sarà la Egonu, ma Conegliano l’ha sostituita con la Haak. Ci saranno atlete di valore mondiale, sono molto curioso di vedere Elena Pietrini che ritengo possa diventare tra le schiacciatrici più forti del torneo. Guardo alle giocatrici italiane e tra le nostre ce ne sono molte davvero brave, come del resto dimostra la nazionale". E alla Cbf Balducci spetterà il compito di neutralizzare quelle bocche di fuoco, sul piano fisico le maceratesi hanno i mezzi per farsi valere a muro. "Ci stiamo sotto questo punto di vista, però poi contano la capacità di lettura e di spostarsi a tempo. Il muro difesa è un aspetto imprescindibile per il mio gioco. Ciò significa creare le occasioni per ricostruire il gioco sugli attacchi delle avversarie, spesso i muro-punto sono una piccola percentuale sui palloni toccati che danno la possibilità di rigiocarli".

l. m.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?