Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 mag 2022

Parte il cantiere allo stadio "È corsa contro il tempo"

Domani il via ai lavori al Tubaldi: nuovo manto, rettangolo di gioco più largo. Bruni: "Vogliamo evitare di disputare gare a porte chiuse o in altri impianti"

29 mag 2022
andrea verdolini
Sport
Tifosi giallorossi sugli spalti del Tubaldi (foto Andrea Mazzotta)
Tifosi giallorossi sugli spalti del Tubaldi (foto Andrea Mazzotta)
Tifosi giallorossi sugli spalti del Tubaldi (foto Andrea Mazzotta)
Tifosi giallorossi sugli spalti del Tubaldi (foto Andrea Mazzotta)
Tifosi giallorossi sugli spalti del Tubaldi (foto Andrea Mazzotta)
Tifosi giallorossi sugli spalti del Tubaldi (foto Andrea Mazzotta)

di Andrea Verdolini

Ieri mattina il sopralluogo degli operai incaricati dal Comune, domani partiranno i lavori al Tubaldi. Tutto insomma procede secondo le previsioni: "Diciamo che ora lo stadio è un vero e proprio cantiere – sottolinea Marco Bruni responsabile per la sicurezza ed i rapporti con le autorità della Recanatese –. Tutta l’area interessata ai lavori è stata delimitata e attraverso percorsi obbligati si potrà accedere esclusivamente agli spogliatoi, alla segreteria e ai locali annessi. Iniziamo nei tempi che ci eravamo prefissati con la squadra che, per cause di forza maggiore, sarà costretta ad allenarsi altrove". Nello specifico a Porto Recanati dove Pagliari e la sua truppa prepareranno la decisiva gara della poule scudetto di mercoledì a Rimini. Tornando all’adeguamento del campo, Bruni entra nel dettaglio degli interventi: "Sarà smantellato il vecchio sintetico (giunto per consunzione davvero a fine vita, ndr) e verrà posato il nuovo manto con la larghezza che passerà dai 62 metri attuali ai 64 previsti dal regolamento e dai parametri della Lega Pro, mentre la lunghezza resterà inalterata. La pista di atletica quindi verrà leggermente spostata e così anche la recinzione verso l’edificio che ospita lo spogliatoio". Ovviamente si guarda più avanti perché la cronotabella è incessante. "C’è tutto il resto e non è poco. Il progetto è stato ultimato e verrà presentato alla commissione pubblici spettacoli con la quale ci sono già state delle interlocuzioni ufficiali. Con le previste relazioni allegate dovremo ottenere i nulla osta necessari per procedere". Una corsa contro il tempo... "In effetti lo è ma siamo tutti ottimisti, come giusto che sia quando l’obiettivo è alto. Dobbiamo considerare l’eventualità di giocare le prime partite a porte chiuse o in un altra struttura, ma l’impegno sarà massimo affinché non accada". In fattispecie complesse come queste entrano anche in gioco altri fattori ma la sfida, seppur ardua, è stimolante: pensiamo ad esempio che il San Donato Tavarnelle, affrontato mercoledì, ha già rinunciato a giocare la C sul suo terreno, trasferendosi nella vicina Poggibonsi ed anche altre "matricole" potrebbero seguire la stessa sorte. Intanto si procede con il nuovo sintetico che sarà di ultimissima generazione. Mentre Cianni è a Sassuolo con uno sguardo interessato alle Finali Primavera domenica di relax per la prima squadra. Unica incombenza dare un’occhiata, alle 18.50, al risultato del "Pianigiani" dove i toscani affrontano il Rimini.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?