Ballottaggi: tornano al voto San Benedetto del Tronto e Castelfidardo
Ballottaggi: tornano al voto San Benedetto del Tronto e Castelfidardo

Ancona, 18 ottobre 2021 – Affluenza in calo nei ballottaggi per le Comunali nelle Marche: è andato a votare il 45% contro il 53% del primo turno In media tra San Bendetto e Castelfidardo). Sono tornati alle urne i comuni di San Benedetto del Tronto e Castelfidardo che, dunque, avranno il loro sindaco.  

In totale sono 56.407 gli aventi diritto al voto che con documento di riconoscimento e tessera elettorale alla mano decideranno chi amministrerà il rispettivo Comune per i prossimi cinque anni. Per entrare ai seggi si è votato ieri fino alle 23, e oggi dalle 7 alle 15.

Ballottaggio 2021, affluenza in calo. Primi dati delle ore 12: al 10,7% - Ballottaggio in Emilia Romagna - Ballottaggio in Veneto

Affluenza e scrutini: i dati in diretta

Le affluenze sono in calo rispetto al primo turno:

A Castelfidardo si è recato a votare il 44,54% degli aventi diritto, mentre al primo turno il dato era del 51,64%.

San Benedetto, invece ieri è andato a votare il 46,39%% (contro il 59,61% del primo turno)

 

 

Nel 2016 entrambi i comuni finirono ugualmente al ballottaggio. In quel caso l’affluenza finale, al secondo turno, fu del 49.53% a Castelfidardo e del 50.44 per cento a San Benedetto del Tronto.

Il ballottaggio a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno)

false

Al primo turno la partecipazione al voto è stata del 59% sui 40.380 elettori, un trend superiore a quello nazionale ma inferiore di tre punti alle elezioni di cinque anni fa. Il candidato favorito è il sindaco uscente Pasqualino Piunti del centrodestra che punta così a un secondo mandato consecutivo. Al secondo turno è in calo l'affluenza al voto (foto).

Parte dal 41.56% dei consensi, di cui il 15% dalla lista Fratelli d’Italia. A supportarlo anche Lega e Forza Italia. Nonostante abbia doppiato il suo contendente, Antonio Spazzafumo, fermo al 19.06%, non è riuscito a superare la soglia della maggioranza assoluta (50 per cento più uno). Spazzafumo dalla sua ha cinque liste: ‘Centro civico popolare’, ‘Libera San Benedetto’, ‘San Benedetto viva’, ‘Spazzafumo sindaco 0735’ e ‘Rivoluzione civica’.

Il ballottaggio a a Castelfidardo (Ancona)

Testa a testa tra Gabriella Turchetti, candidata del centrodestra, e il sindaco uscente Roberto Ascani, supportato dal Movimento 5 Stelle (17.67%) e ‘Castelfidardo futura’.

I due al primo turno sono arrivati, rispettivamente, al 29.04 per cento e al 27.29%, soli 141 voti di differenza. La farmacista Turchetti è appoggiata anche dalla lista Fratelli d’Italia, forte del 12.24% dei consensi, oltre a Lega e alla civica ‘Fare bene’. Gli elettori sono 16.027.

Qui l’affluenza al primo turno è stata bassa, ferma al 51.64%, cinque punti al di sotto del 2016 (56.93%).

Documenti e come si vota

Per potersi avvalere del proprio diritto di voto, servono la tessera elettorale (con almeno uno spazio libero per il timbro) e e un documento di identità con foto. Si vota esprimendo la propria preferenza sulla scheda per uno dei due candidati sindaci, tracciando un segno ‘X’ sul nome del candidato prescelto. Non è previsto il voto disgiunto. Viene eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti

Una volta eletto il sindaco viene anche definito il consiglio comunale: alla lista che appoggia il sindaco eletto andranno i 2/3 dei seggi disponibili, mentre i restanti seggi saranno distribuiti proporzionalmente tra le altre liste.