Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

Corruzione e appalti truccati: 8 arresti. In carcere funzionario della Regione Marche

L'accusa è di aver messo in piedi un giro di tangenti per pilotare gare d'appalto e affidamenti di lavori sulle aste fluviali per conto della Regione

14 giu 2022
featured image
Carabinieri in azione (foto di repertorio)
featured image
Carabinieri in azione (foto di repertorio)

Ancona, 14 gugno 2022 - Un funzionario pubblico, dipendente della Regione, è finito in carcere, e altri 7 imprenditori sono stati posti agli arresti domiciliari, con l'accusa di aver messo in piedi un giro di tangenti per pilotare gare d'appalto e affidamenti di lavori sulle aste fluviali per conto della Regione. È quanto disposto dal gip di Ancona a seguito  delle indagini, partite nel 2021, dei carabinieri forestali di Ancona e Ascoli Piceno che avevano denunciato alcuni interventi sui fiumi, compresi ingenti tagli della vegetazione ripariale, contrari alle norme paesaggistiche e ambientali.

Approfondisci:

Tangenti dietro al taglio degli alberi: in cella funzionario del Genio civile di Pesaro

Approfondisci:

Tangenti Marche, mille euro per regalargli la festa di laurea della figlia

Interventi che, secondo i carabinieri, avevano pregiudicato la salubrità degli ecosistemi fluviali, con l’unico obiettivo di ricavare profitti dalla vendita del legno. In totale, compresi i 7 imprenditori agli arresti domiciliari e il funzionario finito in carcere, sono 24 gli indagati accusati a vario titolo di corruzione, turbativa d’asta, truffa aggravata ai danni della Regione, falso documentale e rivelazione del segreto d’ufficio.

In particolare, il funzionario arrestato, in concorso con due colleghi impiegati in provincia di Pesaro Urbino, avrebbe consentito a uno degli imprenditori di aggiudicarsi il ribasso d’asta per un lavoro in provincia di Pesaro Urbino, in cambio di favori come legna da ardere, il pagamento di pranzi, cene e una festa di laurea, ma anche fornitura di cellulari e tablet. Le approfondite indagini dei carabinieri hanno portato a ipotizzare anche turbative e corruzione in almeno cinque lavori pubblici appaltati dalla Regione per un totale complessivo di un milione e duecentomila euro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?