Ancona, 13 giugno 2021 - Contagi in calo costante: 33 quelli registrati dal bollettino dei contagi da Coronavirus di oggi 13 giugno. Ieri uno in piùNelle ultime 24 ore sono stati testati 2162 tamponi: 1043 nel percorso nuove diagnosi (di cui 297 screening con percorso Antigenico) e 1119 nel percorso guariti. Il rapporto tra positivi e testati è del 3,2%.

Ricoveri ancora in calo in regione: sono complessivamente 61 i pazienti malati di Covid curati negli ospedali marchigiani, 6 in meno rispetto a ieri, tutti nei reparti. Di questi, 9 sono in rianimazione. 

Bollettino Covid Italia ed Emilia Romagna: i dati del 13 giugno

Covid: bollettino del 13 giugno 2021 nelle Marche

Nelle Marche, nessuna vittima per il quinto giorno consecutivo (nel bollettino di ieri, 12 giugno) e per l’ottava volta nel mese di giugno. Si abbassa ancora il numero di positivi e quello dei pazienti assistiti negli ospedali: ieri erano  67 (-13), tutti ricoverati nei reparti. Nelle terapie intensive ci sono 10 pazienti (stabile), nelle aree di semi-intensiva 18 (-7). Gli altri 39 (-6) in reparti non intensivi.

Zona bianca: l'Emilia Romagna segue il Veneto. Quando tocca alle Marche

La mappa dei contagi nelle Marche

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 33: 17 nella provincia di Macerata, 2 nella provincia di Ancona, 6 nella provincia di Pesaro-Urbino, 2 nella provincia di Fermo, 3 nella provincia di Ascoli Piceno e 3 fuori regione).

Vaccino AstraZeneca, seconda dose: nelle Marche richiamo con Pfizer

Sintomatici e da contatto

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (8 casi rilevati), contatti in setting domestico (11 casi rilevati),  contatti stretti di casi positivi (8 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (2 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (1 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (0 casi rilevati), Contatti con coinvolgimento studenti di ogni grado di formazione (0 casi rilevati), screening percorso sanitario (0 casi rilevati), contatti con provenienza extra-regione (0 casi rilevato) e di 3 casi sono in fase di approfondimento epidemiologico. Nel percorso Screening un totale di n.297 test antigenici effettuati e n.1 soggetti rilevati positivi (da sottoporre al tampone molecolare) un rapporto positivi/testati <1%.

Ricoverati

Continua a diminuire il numero dei pazienti 'Covid-19' assistiti negli ospedali delle Marche: sono complessivamente 61, 6 in meno rispetto a ieri, tutti ricoverati nei reparti.  Nelle terapie intensive ci sono 9 pazienti, uno meno di ieri: 3 (-1) a Pesaro, 2 a Torrette, 1 in pediatria ad Ancona, 2 al Covid Hospital di Civitanova Marche e 1 a San Benedetto del Tronto. Nelle aree di semi-intensiva sono assistiti in 18: 7 a Pesaro e 11 (+1) al Covid Hospital di Civitanova Marche.

Gli altri 34 pazienti (-5) sono ricoverati in reparti non intensivi: 1 al covid di Pesaro, 13 (-3) a malattie infettive a Torrette, 7 (-1) all'Inrca e 10 a malattie infettive di Fermo e 3 a malattie infettive di Ascoli Piceno.

Nelle Marche ci sono 2.738 persone in isolamento domiciliare (-65), mentre nelle strutture territoriali sono ospitati complessivamente 65 persone: 45 a Campofilone ( Fermo), 13 a Fossombrone ( Pesaro- Urbino) e 7 presso la residenza dell'Inrca di Ancona.

Sono diventati complessivamente 97.587 i dimessi-guariti, 104 più di ieri.

Nelle ultime 24 ore e' ancora diminuito il numero di coloro che sono in isolamento volontario nella propria abitazione, ora 2.980 (-56); tra questi, i soggetti sintomatici sono 970 (-66), con 38 (-1) operatori sanitari in
quarantena.

Dall'inizio dell'epidemia i marchigiani che hanno trascorso volontariamente in casa il periodo di isolamento sono diventati 303.082, i casi complessivamente diagnosticati da inizio pandemia sono stati 747.092 e i tamponi processati 1.268.226 numero che comprende anche i test effettuati sulla stessa persona e il percorso guariti. 

Coronavirus, le altre notizie

Green pass Italia ed europeo: nuovo Dpcm. Tutte le regole. Potrà essere revocato

Vaccini ai giovani, scienziati dubbiosi: "Ancora pochi studi: serve cautela"

Vaccini, sondaggio: autorità sanitarie sotto accusa. Italiani: indicazioni disastrose