Quotidiano Nazionale logo
22 mar 2022

Covid oggi Marche: il bollettino del 22 marzo 2022. Dati e contagi

Boom di casi nelle ultime 24 ore: dai 1.055 di ieri ai 3.513 di oggi. E il tasso di incidenza sale a 1.178,92. Altre tre vittime con patologie pregresse, ricoveri in crescita

featured image
Covid oggi nelle Marche: il bollettino Covid

Ancona, 22 marzo 2022 - Boom di contagi nelle Marche che passano dai 1.055 di ieri (anche se con un numero basso di tamponi effettuato, per effetto del weekend) ai 3.513 di oggi. Continua anche la fase di incremento del tasso di incidenza positivi nelle Marche. Con 9.953 tamponi testati (7.968 nuove diagnosi e 1.985 nel percorso guariti), il tasso di positività è del 44,1% (in calo, ieri era al 46,2%), mentre il tasso di incidenza sale a 1.178,92.

Covid è diventato un raffreddore? No, ecco perché - Positivo al Covid: cosa fare, la guida aggiornata - Scuola e Covid, ventilazione per ricambio d'aria: "Contagi giù dell'80%"

La mappa del contagio

Dei casi odierni 582 sono stati registrati in provincia di Ascoli Piceno, 585 a Pesaro Urbino, 695 a Macerata, 1.001 ad Ancona, 525 a Fermo e 125 da fuori regione.

Come ci si contagia

Si tratta di 1.065 contatti stretti di positivi, 517 sintomatici, 981 contatti domestici, 51 positivi in setting scolastico/formativo, quattro contatti in setting lavorativo, 11 contatti in ambienti di vita/socialità, quattro contatti in setting assistenziale, tre screening setting sanitario, 14 casi da fuori regione mentre per 863 sono ancora in corso gli approfondimenti epidemiologici.

Positivi per fasce d'età

Dei 3.513 casi positivi 680 ricadono nella fascia zero-18 (19,3%), 1.825 in quella 25-59 anni (51,9%).

Morti per Covid

Si registrano tre nuove vittime con patologie pregresse: un 87enne di Monsampietro Morico ed una 84enne di San Benedetto del Tronto alla Residenza Valdaso e un 78enne di Arcevia all'ospedale di Senigallia. Da inizio emergenza salgono a 3.677 le persone decedute: 2.049 uomini e 1.628 donne con un'età media di 82 anni che, nel 97,2% dei casi, soffrivano di precedenti patologie. La provincia più colpita è quella di Ancona dove ad oggi si registrano 1.143 vittime, seguita da Pesaro Urbino (1.114), Macerata (628), Fermo (422), Ascoli Piceno (324) mentre sono 46 le persone decedute provenienti da fuori regione.

Ricoveri in crescita

I positivi totali salgono a 369.535 (+3.513) di cui 349.638 dimessi/guariti (+3.497), 16.005 in isolamento domiciliare (+11) e 220 ricoverati (+2). I pazienti in terapia intensiva passano da cinque a sei (quattro al Torrette di Ancona, uno a Marche Nord ed uno a San Benedetto del Tronto), quelli in semi intensiva scendono da 68 a 63 (16 al Torrette, 19 a Marche Nord, sette a Civitanova Marche, 10 all'Inrca, 10 a Macerata e uno ad Ascoli Piceno) e, infine, quelli in reparti non intensivi passano da 145 a 151 (43 al Torrette di cui uno in ostetricia e quattro in pediatria, 23 a Marche Nord di cui due in ostetricia, 13 ad Ascoli Piceno, uno a Civitanova Marche, 26 a Fermo, 10 all'Inrca, 16 a Jesi, 16 a Macerata, due a Camerino ed uno a Senigallia).

Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva si attesta al 2,3% mentre quello in area medica al 20,9%. I pazienti Covid, in attesa di ricovero nei Pronto soccorso marchigiani, sono 33 mentre i casi ospiti delle strutture territoriali sono 122 (43 a Campofilone, 50 a Galantara, 13 a Macerata Feltria e 16 a Ripatransone). 

Agenas: crescono i ricoveri nelle aree non critiche

E' ferma al 13% in Italia, ma in 24 ore aumenta in 14 regioni, l'occupazione dei posti letto nei reparti ospedalieri di 'area non critica' da parte di pazienti affetti da Covid-19, raggiungendo valori superiori al 20% in Calabria (34%), Umbria (30%), Basilicata (28%), Sicilia (24%), Marche e Sardegna (21%). Un anno fa la percentuale era pari al 42%. E' invece stabile al 5% in Italia, e al di sotto del 10% in tutte le regioni, ad eccezione della Sardegna (11%), l'occupazione delle terapie intensive. Un anno fa la percentuale era del 38%. È quanto emerge dai dati dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), aggiornati al 21 marzo 2022. (Fde/ Dire)

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?