Quotidiano Nazionale logo
29 apr 2022

Eventi 1 Maggio nelle Marche: dove andare e cosa fare

Dalle fiere alle escursioni fino alle gite all'insegna del buon cibo all'aperto. Tutto il programma del weekend

 

silvia santini
Cosa Fare
la fiera di San Ciriaco ad Ancona
La fiera di San Ciriaco ad Ancona

Ancona, 29 aprile 2022 - Il Primo Maggio è alle porte e le Marche, dopo l’uscita ufficiale dall’emergenza Covid, ripartono con tanti eventi già da sabato, quasi tutti all’aperto confidando nel bel tempo. Ecco quelli più interessanti divisi per Provincia.

Leggi anche: Eventi 1 maggio Pesaro: cosa fare e dove andare - Dove andare in Emilia Romagna

Ancona

Torna la fiera di San Ciriaco ad Ancona, per quattro giorni da domenica, un evento popolare importante sia per i cittadini che per i turisti, detta anche fiera di Maggio, per celebrare il patrono. La fiera ospiterà numerose bancarelle, circa 360, provenienti da tutta Italia, dislocate lungo il viale della Vittoria. In corso Garibaldi spazio al mercatino dell'artigianato e alla mostra campionaria mentre in piazza Pertini street food e musica già dal pomeriggio di sabato.

A Sassoferrato sabato e domenica visita guidata alla città romana di Sentinum, conosciuta per la Battaglia delle Nazioni combattuta nel 295 a.C. Nell'area archeologica rimangono visibili i resti di un edificio termale, in località Santa Lucia è visibile un imponente edificio termale extraurbano che fungeva da punto di accoglienza per i viandanti e a Civita, per la prima volta, sarà visibile la pavimentazione originaria in opus spicatum. Prenotazione obbligatoria allo 0732956257. In programma anche il pic-nic in vigneto a Morro d’Alba, all’Antica cantina Sant’Amico, con menu degustativo tipico delle giornate di maggio che gli organizzatori non vedono l’ora di abbinare ai vini.

A Camerano Primo Maggio con le Acli che hanno scelto per la 41esima edizione le terme dell'Aspio. La festa inizierà alle 10.30 con la Santa Messa celebrata da monsignor Angelo Spina, arcivescovo della Diocesi di Ancona-Osimo e proseguirà con la cerimonia del premio 'Bruno Regini' che le Acli delle Marche assegnano ogni anno a personaggi che si sono distinti in campo regionale per la creazione di una cultura della solidarietà. A seguire pranzo all'aperto.

Pesaro

Per il Primo Maggio sarà bello immergersi nelle fioriture e nei panorami delle montagne pesaresi: da Fonte Luca è prevista un’escursione sulla seconda cima più alta dell’Appennino settentrionale delle Marche, il Monte Acuto. Una bella, panoramica e faticosa gita a piedi attraversando boschi di faggio, praterie, pascoli e zone rocciose, gli ambienti caratteristici del monte gemello del Catria.

Ai Vivai Pascucci è in programma una giornata a contatto con la natura e con gli animali, dalle 10 alle 18. Cestini da pic-nic prenotabili, postazioni barbeque, tante attività e laboratori per bambini.

Al Museo del Balì torna la primavera scientifica con apertura no-stop del museo dalle 10.30 alle 19.30. Il parco esterno della villa è a disposizione per una bella scampagnata all’aperto.

Macerata

A Cessapalombo Primo Maggio all'estremo nord del Parco nazionale dei Monti Sibillini alla scoperta di luoghi poco conosciuti che conservano un fascino antico e autentico. Un percorso ad anello che inizia e si conclude al Giardino delle Farfalle, da dove ci incammineremo tra i morbidi paesaggi delle colline intorno a Cessapalombo, tra bellissime fioriture, antiche rocche, città scomparse e magnifici panorami. Al termine dell'escursione attendono le delizie gastronomiche del Giardino delle Farfalle.

A Valfornace invece 20esima festa della Fava e del pecorino nella zona degli impianti sportivi di Fiordimonte e poi si balla con l’orchestra. Da Matelica parte anche un giro cicloturistico di 40 chilometri nelle zone di produzione del verdicchio con visite e degustazioni nelle cantine.

A Cingoli Primo maggio al fiume incantato di San Vittore. La giornata sarà allietata da spettacoli itineranti con artisti che rievocheranno il mondo delle fiabe (ore 11.30, 15.30 e 17.30). Nel pomeriggio si potrà visitare la dimora storica presente ai margini del bambuseto, la Badia di San Vittore.

Ascoli Piceno

Sabato e domenica al via gli ultimi due giorni di Fritto misto ad Ascoli Piceno, la rassegna delle più importanti fritture regionali italiane e del mondo. Il Palafritto, lo storico padiglione che da sempre ospita le cucine, sarà suddiviso in una grande cucina e in moduli più piccoli dislocati in un’area contigua. Un’occasione da non perdere anche per un bel tour della magnifica città di travertino.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?