Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 giu 2022

Pronto soccorso Marche, piano anti pienoni

La Regione: "Task force di medici". L’assessore Saltamartini: "In ogni struttura una lista di sanitari pronti a intervenire. Non possiamo assumere"

16 giu 2022
pierfrancesco curzi
Cronaca
Il governatore delle Marche, Francesco Acquaroli (al centro). Alla sua destra l’assessore Filippo Saltamartini
Il governatore delle Marche, Francesco Acquaroli (al centro)
Il governatore delle Marche, Francesco Acquaroli (al centro). Alla sua destra l’assessore Filippo Saltamartini
Il governatore delle Marche, Francesco Acquaroli (al centro)

Ancona, 16 giugno 2022 - Concorso bandito dall’azienda ospedaliera Marche Nord per medici di pronto soccorso. Previsti 39 posti: ad oggi, a pochi giorni dalla scadenza, sono state presentate dieci domande. L’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini, getta acqua sul fuoco: "I tempi per la domanda del concorso a Marche Nord non sono ancora scaduti, non è il caso di fare allarmismo". I medici di pronto soccorso non si trovano e le istituzioni continuano a bandire concorsi anche se alla fine la risposta è spesso molto basso rispetto all’offerta. Ieri in conferenza stampa è stato fornito il dato su quante domande sono state presentate nel concorso recente. Poi, nel pomeriggio di ieri, la Regione ha precisato che le domande sono salite a dieci. Per quello che riguarda il problema del pronto soccorso, la giunta ha presentato ieri una sorta di decalogo in vista dei tre mesi estivi e in previsione di un maxi-afflusso di turisti nelle località balneari delle Marche: dunque potenziali ‘clienti’ dei pronto soccorso. Il decalogo riguarda, per larga parte, misure annunciate almeno tre anni fa e provvedimenti già attivi da anni nei principali pronto soccorso. A partire dalla figura del ’Bed manager’, ossia una sorta di filtro tra i pronto soccorso e i reparti per agevolare il ricovero di pazienti che altrimenti rischierebbero di restare in astanteria per ore se non per giorni. La figura del Bed manager era stata inserita, non solo all’ospedale di Torrette di Ancona, già nel 2019 grazie a una delibera di giunta. Poche novità, come confermato dallo stesso Saltamartini che poi spiega su chi ricadrà la responsabilità di eventuali disservizi: "Molti dei punti presentati sono già operativi e forse si poteva ridurne il numero. Nei mesi scorsi ho girato tutti i pronto soccorso delle Marche senza preavviso per capire le varie criticità. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?