PATRIZIA TOSSI
PATRIZIA TOSSI
Meteo

Allerta meteo domani in Emilia Romagna: vento di burrasca e piogge sparse

Preoccupa l’avvicinarsi delle raffiche: la protezione civile ha diramato l’allarme giallo per giovedì 13 aprile. Neve in quota dove e quando, le previsioni giorno per giorno. Intanto preoccupa la siccità del Po

Allerta meteo per vento giovedì 13 aprile in Emilia Romagna

Allerta meteo per vento giovedì 13 aprile in Emilia Romagna

Bologna, 12 aprile 2023 – Venti di burrasca in arrivo sull’Emilia Romagna, forti raffiche su tutta la regione e possibili rovesci in pianura. È già stata decretata l’allerta gialla in vista di domani, giovedì 13 aprile, quando il meteo peggiorerà nelle nove province della regione.

Burrasca e raffiche di vento

La situazione si preannuncia critica soltanto sul fronte dei venti, in pianura come sulla fascia costiera. Tutte le altre criticità – dai possibili smottamento idrogeologici allo stato del mare – dovrebbero rimanere nella norma. Si prevedono venti di burrasca moderata, con spinte che oscilleranno tra i 62 e i 74 chilometri orari. A tratti, potrebbero arrivare possibili raffiche di intensità superiore ai 75 chilometri orari di velocità. “Possibilità di rovesci a carattere temporalesco sulle aree di pianura a ridosso del Po e dell’Appennino occidentale”, fanno sapere dalla protezione civile dell’Emilia Romagna.

Approfondisci:

Temporali oggi in Emilia Romagna: allerta gialla

Temporali oggi in Emilia Romagna: allerta gialla

Nuvole e piogge sparse

Molte nuvole in transito al mattino con piogge sparse possibili soprattutto sulle zone occidentali della regione, più asciutto altrove. È questo il quadro tracciato dagli esperti per la giornata di domani, giovedì 13 aprile. Tra il pomeriggio e la sera, il tempo sarà asciutto ma con cieli nuvolosi e locali piogge sulla zona della Romagna.

Ma è allarme siccità, ora il Po asciutto come nel 2021 a giugno

Il Po continua a soffrire per la siccità. Nell'impianto idrovoro Palantone di Bondeno (Ferrara) si è in particolare registrata una quota di prelievo di 3,14 metri sul livello del mare, che ha fatto scattare lo stadio di pre-allarme (previsto al di sotto dei 3,25 metri). Lo rileva il Cer, l'ente del Canale Emiliano-Romagnolo che fornisce l'acqua ad usi irrigui per la quasi totalità delle colture tipiche di tutta la Romagna e parte dell'Emilia orientale. Il dato è tanto più allarmante considerato che lo scorso anno la discesa della quota di prelievo sotto il livello di sicurezza di 3,25 metri non è avvenuta prima di giugno (quando fu rilevata a 3,02 metri sul livello del mare). Saranno quindi numeri preoccupanti quelli che il Cer porterà domani all'attenzione dell'osservatorio sulle crisi idriche coordinato dall'Autorità di bacino del Po. Che intanto rilancia a sua volta un progetto milionario per affrontare il problema opposto della scarsità d'acqua, cioè la tenuta degli argini del "grande fiume" in caso di piena.

Secondo la mappatura realizzata nel 2018 dall'Autorità, infatti, il 16% delle sponde è a rischio idrogeologico, con le situazioni più critiche nei comprensori di Pavia, Piacenza, Mantova, Ferrara e Rovigo. Gli interventi di ripristino prevedono investimenti per 550 milioni, recuperabili per l'Adpo dalle risorse eventualmente inutilizzate del Pnrr. "Rilanciamo in modo convinto l'utilità di questi lavori idraulici necessari per la sicurezza di tutti e proponiamo che, in caso di mancati investimenti o avanzi di risorse finanziarie del Pnrr, possano essere impiegati su una priorità territoriale così alta come quella che avanziamo e sulla quale siamo pronti a collaborare da subito", dice il segretario dell'autorità di bacino del Po Alessandro Bratti.

Neve dove e previsioni Arpae giorno per giorno

Domani: le previsioni del 13 aprile

Domani in Emilia Romagna il tempo sarà nuvoloso al mattino con piogge sparse ovunque, ma con maggiori probabilità sulle province emiliane. I fenomeni potranno assumere anche carattere temporalesco sui settori occidentali. Dal pomeriggio, condizioni di spiccata variabilità con temporanee schiarite alternate ad annuvolamenti compatti associati a piogge irregolari e possibili nevicate in Appennino a quote attorno ai mille metri. Dalla sera, le precipitazioni tenderanno a spostarsi verso i settori centro orientali. Mare poco mosso al mattino con tendenza a diventare mosso dal pomeriggio.

Temperature minime in lieve aumento su valori compresi tra 9 e 14 gradi. Massime in diminuzione sui settori occidentali con valori attorno ai 13 gradi; stazionarie altrove e comprese tra 14 e 19 gradi.

Venti deboli e moderati sud occidentali nell'entroterra, da sud est su costa e mare, tendenti a rinforzare e a disporsi ovunque dai quadranti occidentali. Raffiche anche forti sui crinali appenninici centro orientali.

Dopodomani: le previsioni del 14 aprile

Nella prima mattinata di venerdì 14 aprile sono previste precipitazioni residue sui settori centro orientali, con tendenza ad ampi rasserenamenti dal pomeriggio. Aumento della nuvolosità nel corso della sera a partire dai settori occidentali. Mare poco mosso sotto costa, mosso al largo.

Temperature minime in diminuzione, con valori intorno agli 8 gradi. Massime in locale aumento sui settori emiliani attorno a 18 gradi, in diminuzione in Romagna su valori compresi tra 13 e 15 gradi.

Venti deboli e moderati da nord ovest, tendenti a disporsi dai quadranti meridionali a partire dalla sera.

Tendenza: cosa succederà nei prossimi giorni

Da sabato 15 a martedì 18 aprile, il tempo sarà variabile in tutta l’Emilia Romagna. Piogge sparse per sabato sui settori appenninici, che potranno interessare anche la pianura nella giornata di domenica. Miglioramento delle condizioni meteorologiche da lunedì con temperature che si riporteranno quasi ovunque intorno ai 20 gradi.

Il bollettino meteo in pdf

Che tempo farà in Emilia Romagna